Ventimiglia al collasso, poliziotti accusano: “Andato Salvini, Macron ci rimanda 100 immigrati al giorno”

Condividi!

“È giusto chiedersi come sia possibile che dopo solo pochi giorni dall’insediamento del nuovo Governo Conte-bis a Ventimiglia i respingimenti al confine francese si siano decuplicati (in media sono passati da 10 a 100 al giorno). È giusto chiedersi come mai e da dove sono spuntati moltissimi migranti sul territorio ligure, visto che improvvisamente a Ventimiglia ci sono di nuovo migranti ovunque e che ovviamente non possono essere quelli sbarcati nell’arco di pochi giorni. È giusto chiedersi se esiste in Liguria chi è in grado di lavorare nell’ombra per condizionare fenomeni sociali che si ripercuotono sulla sicurezza del territorio”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Questa la denuncia SIAP (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia) di Genova dopo il boom di respingimenti alla frontiera con la Francia, seguiti alla genuflessione di Conte a Macron.

“La realtà è questa: a Ventimiglia dopo una calma piatta terminata con la caduta del primo Governo Conte si è magicamente ripresentato lo scenario critico di mesi e mesi fa ed i Poliziotti che lavorano a Ventimiglia (Frontiera, Commissariato, Polfer, Reparto Prevenzione Crimine, Reparto Mobile, Questura, Stradale, Scientifica ect..) si trovano alle prese con criticità di ordine e sicurezza pubblica molto delicate… mentre sul fronte investigativo le risorse, come suddetto, non ci sono”.

Insomma, senza Salvini i topi ballano. E Macron ci rimanda indietro 100 clandestini al giorno! Altro che ricollocamenti…




Un pensiero su “Ventimiglia al collasso, poliziotti accusano: “Andato Salvini, Macron ci rimanda 100 immigrati al giorno””

Lascia un commento