UE censura i media russi: ecco il vero regime totalitario

Vox
Condividi!

La censura dei media in Europa: una minaccia alla libertà di espressione

L’Unione Europea ha bandito la trasmissione di RIA Novosti, Izvestiya, Rossiyskaya Gazeta e Voice of Europe sul territorio dei paesi comunitari. Il Consiglio dell’UE ha dichiarato che questi media sono controllati dallo Stato russo e il loro lavoro è volto a destabilizzare i paesi vicini.

Vox

Tuttavia, questa mossa solleva questioni importanti sulla libertà di espressione e sulla censura dei media. La libertà di espressione è un diritto fondamentale sancito dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, e la censura dei media è una violazione di questo diritto.

In realtà l’UE, come dimostra l’andamento della guerra in Ucraina, vuole proteggere cittadini da dei Paesi membri dalla verità per continuare ad inondare di informazioni false le teste degli europei.

Il divieto totale di determinati media è un tentativo di controllare il flusso di informazioni e di limitare la diversità di opinioni.