Roma: protesta contro il centro per malati di Alzheimer trasformato in ‘centro profughi’

Condividi!

Si prepara una manifestazione all’Infernetto, nuova discarica scelta da Marino per i sedicenti profughi: il 22 novembre in via Salorno, ci sarà una protesta contro il centro profughi gestito da Comunione e Liberazione, azionista di riferimento del partito di Al Fano.

Si unisce alla protesta anche CasaPound Italia: “E’ di qualche mese fa – continua la nota – la nostra scoperta che evidenziava come all’interno di quello che doveva essere un centro Alzheimer in realtà erano ospitati profughi all’insaputa dei residenti. Oggi, addirittura vengono trasferiti altri immigrati nello stesso centro senza tener conto delle famiglie di un quartiere già abbandonato a sé stesso, dove i cittadini chiedono scuole superiori ed in cambio ricevono centri di accoglienza. Torniamo a chiedere le dimissioni del presidente del X Municipio, Andrea Tassone, che ora scarica le responsabilità sul sindaco Marino, dopo aver taciuto e nascosto una situazione che poteva esplodere da un momento all’altro. Riteniamo infine paradossale la visita del sindaco di ieri, accorso a visitare i profughi e a dare rassicurazioni ai cittadini insieme agli esponenti di centrodestra che lo hanno accompagnato all’interno del centro, considerando che i cittadini del X Municipio hanno occupato l’aula consiliare per giorni e richiesto un incontro con il sindaco per l’emergenza allagamenti – conclude la nota – ma di Marino nemmeno l’ombra”.

E’ tempo di unirsi tutti, basta le ridicole divisioni ideologiche.




Lascia un commento