AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Salvini al Viminale: altrimenti sarà il governo delle ONG

Vox
Condividi!

La presenza o meno di Salvini al Viminale sarà la cartina di tornasole e ci dirà cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo governo. Se non ci sarà, sarà in ossequio alla Ue, alle Ong e farà felice la sinistra che è fortemente minoritaria in Italia.

Ci sentiamo di dire a Salvini: se Meloni non ti vuole al Viminale, non entrare nel governo, e dai un appoggio esterno.

Salvini-Viminale, poi ministero Agricoltura, quello delle Infrastrutture e gli Affari regionali e riforme. Un nome solo e almeno quattro ministeri. E’ la lista finale di Matteo Salvini che finirà sulla scrivania di Giorgia Meloni, ‘controfirmata’ dal consiglio federale. Non si perde in preamboli il segretario leghista: tema dell’incontro con i dirigenti del partito, come annunciato, è il governo che verrà, declinato subito nell’invito ai suoi a esprimersi sui ministeri su cui dovranno trovare posti i leghisti.

Solo la presenza di Salvini agli Interni significherà rottura con il governo Draghi e un pugno dello stomaco agli accoglioni. La sua assenza, invece, dimostrerebbe la totale sudditanza culturale di Meloni alla sinistra globalista.

Vox

Ricordiamo che la Lega ha cento parlamentari. Quasi la metà di quelli di FdI. Ormai i voti non contano più, ora contano i seggi.




2 pensieri su “Salvini al Viminale: altrimenti sarà il governo delle ONG”

  1. ” ALTRIMENTI SARÀ IL GOVERNO DELLE ONG”… lo sarà assolutamente lo stesso, e i primi a saperlo siete voi.

I commenti sono chiusi.