Nazionalisti anti-green pass assaltano Parlamento bulgaro armati: scontri con polizia, migliaia circondano il Palazzo – VIDEO

Condividi!

Secondo il Sofia Globe, i manifestanti sono arrivati a Sofia da differenti città della Bulgaria a bordo di bus organizzati dal partito “filo-Cremlino” Vasrazhdane. Alcuni manifestanti, uno dei quali trovato in possesso di un’arma da fuoco, sono stati arrestati e quattro agenti sono stati portati in ospedale dopo gli scontri.

Scontri tra manifestanti No Green pass e polizia davanti al Palamento a Sofia, in Bulgaria, dove migliaia di sostenitori del partito nazionalista Vasrazhdane (Rinascita), tutti senza mascherina, hanno circondato il Palazzo accusando il governo di limitare le libertà individuali. Un gruppo di dimostranti ‘no green pass’ ha superato il cordone delle forze di sicurezza, massicciamente dispiegate, e ha raggiunto l’ingresso principale del Parlamento ma senza riuscire entrare.

I manifestanti hanno impugnato cartelli con la scritta “Giù le mani dai nostri figli” e “Vogliamo una vita normale”, ripetendo slogan come “libertà” e “Bulgaria”. Il leader di Vasrazhdane, Kostadin Kostadinov, si è rivolto alla folla tramite collegamento video. Kostadinov è in quarantena come gran parte della leadership politica bulgara che ha partecipato a una riunione nel quale era presente il presidente del Parlamento Nikola Minchev, poi risultato positivo.




10 pensieri su “Nazionalisti anti-green pass assaltano Parlamento bulgaro armati: scontri con polizia, migliaia circondano il Palazzo – VIDEO”

    1. Amico mio, stiamo parlando di un paese dell’Europa dell’Est, che per sua fortuna non ha conosciuto il liberalismo, se non in forma leggera dopo il crollo del Muro di Berlino del 1989 e dell’URSS del 1991. Il marxismo non ha reso cazzoni i popoli esteuropei, come invece ha fatto il liberalismo con quelli occidentali.

      1. I Bulgari si stanno estinguendo. //it.sputniknews.com/20180703/Bulgaria-morire-demografia-popolazione-Russia-6193162.html
        ”Petr Ivanov, un accademico bulgaro, ha commentato così la notizia: “La Bulgaria sta passando una fase di morte demografica clinica, sta morendo… Siamo la nazione che sta scomparendo più velocemente al mondo”.”

        1. Che nei paesi dell’Est hanno dati demografici drammatici lo sapevo. Purtroppo da lì si emigra molto, e sommato al calo della natalità gli effetti sono devastanti. Hanno saldi naturali e saldi migratori negativi.

          Però a differenza che da noi, non si mettono a dire che per risolvere il problema del calo demografico bisogna ricorrere alla massiccia immigrazione allogena.

Lascia un commento