Stupri di Capodannao: con figli di immigrati e ‘nuovi italiani’ c’erano anche i richiedenti asilo

Condividi!

Tutta la marmaglia degli invasori alleata per stuprare ragazze italiane ed europee. Sono le nuova Marocchinate. E loro sono un esercito invasore. E’ una guerra, dobbiamo combatterla e cacciarli dalle nostre città.

Attenzione, perché presto spacceranno i figli di immigrati dal Nordafrica con cittadinanza italiana come ‘italiani’.

VERIFICA LA NOTIZIA

I figli degli immigrati delle periferie multietniche di Torino che i media di regime definiscono ‘torinesi’ e dovrebbero sputarsi in faccia mentre lo fanno. E otto egiziani che gravitano tra via Imbonati e la Centrale, l’hinterland e la Bergamasca, compresi irregolari, richiedenti protezione internazionale e minori non accompagnati.

I figli degli immigrati hanno devastato Torino: “Infiltrati per spaccare tutto”

È l’identikit dei diciotto (quindici maggiorenni e tre minorenni) perquisiti all’alba di ieri a valle dell’indagine-lampo di Squadra mobile e commissariato Centro sugli assalti di Capodanno in piazza Duomo: di questi, dodici risultano già iscritti nel registro degli indagati per rispondere a vario titolo di violenza sessuale di gruppo, rapina e lesioni.

L’inchiesta degli agenti guidati dal dirigente Marco Calì – alimentata pure dal determinante contributo degli specialisti della Scientifica che hanno inserito i volti immortalati quella notte da telecamere e smartphone nel software Sari per il riconoscimento facciale – ha chiarito che ad aggredire le nove ragazze che finora hanno denunciato non è stato un unico branco, bensì tre gruppi distinti entrati in azione nel giro di un’ora senza una regìa unica; e non è escluso che le stesse bande abbiano colpito pure in altre zone per accerchiare, rapinare e molestare. Oltre ai tabulati telefonici, a incastrare alcuni dei componenti ci sarebbero anche commenti postati sui social il giorno dopo.

Ragazze stuprate a Milano, parlano i nordafricani: “Così imparano ad uscire la sera” – VIDEO

Il primo raid in ordine di tempo è andato in scena qualche minuto dopo la mezzanotte: due studentesse tedesche di 20 e 21 anni si sono ritrovate all’improvviso in balìa della ressa, spintonate contro le transenne e palpeggiate, salvo poi riuscire a trovare una via di fuga per raggiungere un nucleo di pronto impiego della Finanza. Per questo caso, gli investigatori, coordinati dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Alessia Menegazzo, hanno passato al setaccio i domicili di cinque egiziani: tra loro, figurano un diciannovenne e un ventenne (che vive a due passi da piazzale Selinunte) che erano in attesa di risposta alle loro richieste di riconoscimento dello status di rifugiati, un ventunenne domiciliato a Rozzano con permesso di soggiorno di lungo periodo, un sedicenne irregolare arrivato in Italia da minore non accompagnato e un diciassettenne residente in zona Gambara e titolare di un permesso di soggiorno per motivi familiari. “Spero li trovino e che sia fatta giustizia per noi e per tutte le altre ragazze che sono state molestate quella sera”, l’auspicio di una delle due universitarie.

Stupri Capodanno, testimone: “Vittima completamente nuda sotto decine di nordafricani” – VIDEO

E passiamo al secondo blitz, quello emerso già nelle prime ore, avvenuto attorno all’una, che ha riguardato una diciannovenne lombarda – circondata e quasi spogliata di giubbotto e maglione nello spazio compreso tra le aiuole delle palme e la corsia riservata ai taxi tra via Mazzini e via Mengoni – e due amiche arrivate in suo soccorso: a colpire, sempre stando alle indagini, un gruppo di almeno tredici giovani. Di questi, dieci – tutti nati a Torino da genitori nuovi italiani (come spiegato dagli inquirenti) o immigrati dal Nordafrica – fanno parte di una comitiva arrivata apposta dal capoluogo piemontese per trascorrere il Capodanno in Duomo: il più giovane ha compiuto 15 anni ad aprile, il più grande ne farà 23 tra pochi giorni; provengono tutti dalle periferie problematiche di Barca e Bertolla (territori confinanti e di confine così abbandonati che nell’aprile scorso i rappresentanti dei commercianti hanno paventato la “secessione” da Torino per passare sotto la competenza del Comune di fianco) e hanno frequentato o frequentano per la gran parte un istituto professionale del quartiere Barriera di Milano. Ormai una sorta di banlieu nordafricana.

Gli stupratori di Milano sono “italiani di seconda generazione”: tornare a ius sanguinis

I cognomi di quattro di loro fanno pensare a due coppie di fratelli; e gli scatti che condividono regolarmente su Facebook rimandano le solite pose da duri che vogliono dimostrare più anni di quelli indicati sulle carte d’identità, con indumenti molto simili a quelli immortalati il primo gennaio dal video reso virale dai profili social di “Milanobelladadio” e sequestrati dalla polizia nel corso del blitz di 24 ore fa.

Figli immigrati stuprano le vostre figlie, la Consulta del PD vi obbliga a pagarli per farne altri: bonus bebè a tutti

Figli degli immigrati arrivati dalle periferie per stuprare donne italiane – VIDEO




3 pensieri su “Stupri di Capodannao: con figli di immigrati e ‘nuovi italiani’ c’erano anche i richiedenti asilo”

Lascia un commento