Ogni profugo può guadagnare 8mila a settimana spacciando

Condividi!

Ogni spacciatore riesce ad incassare ogni giorno anche 8mila euro alla settimana, il che significa accontentare quotidianamente dai 100 ai 150 clienti.

Quanto guadagnano i richiedenti asilo spacciando, mentre voi li mantenete in hotel e appartamenti?

Secondo quanto venne rivelato dall’operazione “Sommo Poeta”, diretta a disarticolare un’organizzazione criminale nigeriana dedita al traffico di sostanze stupefacenti in varie città, almeno 8 mila euro a settimana.

VERIFICA LA NOTIZIA

I nigeriani lasciano i centri di accoglienza tutte le mattine, insieme ai lavoratori pendolari, con grandi dosi di droga da smistare e spacciare durante la giornata nelle varie città.

Parliamo di cosiddetti profughi che hanno ottenuto la protezione internazionale.

Non meravigliamoci quindi di questo:

La bella vita dei profughi stupratori: auto di lusso e vestiti firmati, stuprano a spese nostre

La mafia nigeriana spaccia la droga anche ai minorenni: “Sì tratta di un’organizzazione estremamente capillare, e il dato di fatto é che non veniva fatto entrare nessuno che non fosse nigeriano”, aveva spiegato in conferenza stampa il capo della Mobile di Trento Tommaso Niglio. Purtroppo, ha aggiunto, “parte dei consumatori individuati sono risultati minorenni, e in generale questa indagine ci conferma che l’eroina é tornata con una certa prepotenza”. Coi barconi.

Com’è emerso dalle indagini di questi anni, i clan della mafia nigeriana sono radicati nelle maggiori città italiane, dove ormai fanno concorrenza ai boss locali. L’obiettivo delle gang africane è “prendersi l’Italia”, considerata la base strategica per esportare i traffici in Europa.




6 pensieri su “Ogni profugo può guadagnare 8mila a settimana spacciando”

  1. Il vero problema della droga, sono i drogati non gli spacciatori, se eliminiamoi drogati, gli spacciatori cambieranno mestiere, e cmq guadagna ben oltre , 3 volte tanto, 8000 euri sono pochi

  2. Ieri sera su rai5 c’era uno speciale sul Tiepolo, altro che assistere a certi talkshow che se non viene un ictus subito per furore di dover sentir vomitare putt***te stratosferiche, alla lunga ti si abbassano le difese immunitarie per il logorio. Confesso che non guardo nemmeno tutti i filmati che vox propone. C’è da domandarsi sino a che punto l’informazione e la consapevolezza di come sia tragico il punto a cui siamo arrivati, ci tuteli. Se non c’è reazione da parte di nessuno di noi e si continua ad accettare passivamente ogni cosa allora mi domando se non è preferibile ignorarla.

Lascia un commento