Flotta Ong, una decina di navi verso l’Italia: dissequestrata quella di Casarini

Condividi!

Dopo la Mare Jonio, adesso anche il veliero dell’Ong dei centri sociali Mediterranea Saving Humans è stata dissequestrata.

A questo punto, dopo l’arrivo di un’altra nave per Rackete:

Chiesa regala nave nuova a Rackete per traghettare clandestini in Italia: costata 1 milione di euro

Abbiamo una decina di navi Ong a pesca per traghettare clandestini in Italia: una flotta nemica.

Il mezzo aveva fatto irruzione a Lampedusa all’inizio dello scorso luglio, bissando lo show di Rackete, evitando solo di speronare motovedette perché, altrimenti, a fondo ci sarebbe andata la barca a vela: “Anche la Alex & Co – si legge nel post diffuso nelle scorse ore – sequestrata per 7 mesi dopo avere salvato dal mare e dagli aguzzini libici 59 persone tra cui 4 neonati, 11 minori e 4 donne incinte, viene finalmente liberata. Come è stato per Mare Jonio, il Tribunale di Palermo ha riconosciuto che quel sequestro era illegittimo e ha fatto quello che l’attuale governo aveva scelto di non fare”.

“Oggi un altro pezzetto di giustizia è stato riconquistato – ha dichiarato nelle scorse ore Alessandra Sciurba, presidente di Mediterranea Saving Humans – così come avvenuto con l’archiviazione delle accuse per i nostri capomissione e Comandante Casarini e Marrone e il pronunciamento della Cassazione per Carola Rackete”.

Il riferimento è alla richiesta di archiviazione, arrivata nei giorni scorsi dalla procura di Agrigento, proprio per Luca Casarini e Pietro Marrone, rispettivamente capomissione e comandante della Mare Jonio a marzo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Alessandra Sciurba, nel suo commento, si scaglia anche contro i provvedimenti politici sull’immigrazione attualmente in vigore: “Quel decreto sicurezza, così come l’accordo con la Libia che condanna alla tortura decine di migliaia di persone, rimane in vigore, mentre il Mediterraneo resta cimitero, deserto di umanità, e luogo di violenza e violazioni gravissime”.

Clandestino smentisce ong ‘Alex’: “E’ stato un viaggio perfetto”

“Mediterranea tornerà in mare dopo che le imbarcazioni Alex e Mare Jonio sono state illegittimamente tenute lontane per mesi – ha concluso Alessandra Sciurba – Tornerà prestissimo a navigare in quel mare a proteggere come è possibile, ancora una volta, la vita e la dignità di chi è costretto ad attraversarlo, con il sostegno di migliaia di persone che si sono attivate nella raccolta fondi lanciata qualche settimana fa”.

L’ammiraglio sta con Salvini: Marina doveva arrestare equipaggio ‘Alex’

Una volta tornati al governo, la prima cosa da fare è mettere una pietra sopra le Ong: letteralmente. Poi si deve mettere mano al sistema giudiziario che è corrotto, prima di tutto ideologicamente.




3 pensieri su “Flotta Ong, una decina di navi verso l’Italia: dissequestrata quella di Casarini”

  1. C’entra relativamente col thread ma avete fatto caso le selezioni feroci fatte dalle tv per assicurarsi che tutti i giornalisti siano schierati dalla loro parte (dittatura europeista) in modo che nessuno osi contraddire il trend e far passare idee criminali per normalità. Questo può far propendere i faciloni e sempliciotti a pensare che non ci siano scelte alternative.
    Fatemi un esempio di conduttore televisivo non politicamente corretto.

    1. Hai ragione e purtroppo molti non capiscono che un alternativa c’è sempre.Personalmente più si cerca di convincermi che bisogna farsene una ragione (come amano dire i merdaioli comunisti) e più mi incazzo!

Lascia un commento