Coop cacciano centinaia immigrati: “Senza 35 euro non conviene”, è estorsione

Condividi!

In pratica è un tentativo di estorsione ai danni dei contribuenti: o ci date 35 euro a testa per ogni immigrato, o noi li lasciamo per strada. Cosa che a noi non dispiacerebbe, anche se andrebbero mandati in Nigeria, Pakistan e Bangladesh, piuttosto. Ma è tutto prodromico a consentire a questo governo di raddoppiare il contributo.

Il nuovo divertissement di Elkann ci informa, affranta, che le varie Coop, Caritas e Onlus che prima correvano a frotte per accogliere richiedenti asilo, da quando la cifra per ogni ospite è stata dimezzata da Salvini, disertano i bandi. Senza i 35 euro non vale la pena:

Questo spiega anche questo:

Ciro passa il Natale in auto mentre Lamorgese trova casa a 1.428 nigeriani

I tagli di Salvini e il crollo degli sbarchi mettono a rischio il sistema di Coop e associazioni legate a Pd e Vaticano. Faranno di tutto per continuare a foraggiare il sistema che, poi, foraggia loro.

Ai disabili nemmeno 1 euro: ai finti profughi 35 euro al giorno




Vox

Un pensiero su “Coop cacciano centinaia immigrati: “Senza 35 euro non conviene”, è estorsione”

  1. Se migliaia di italiani possono dormire in strada che a nessuno frega niente, possono farlo benissimo anche gli immigrati.
    Certo se un italiano muore di stenti e freddo ai kompagni non tira un pelo, allora mandiamo a morire le loro preziose risorse così pareggiamo i conti!Adesso é la stagione giusta, forza!Tutti al gelo migranti che é tutta salute!Così vi integrate con la vita che il pd riserva ai suoi connazionali!

Lascia un commento