La sinistra difende il giornalista che ha minacciato la figlia di 6 anni di Salvini

Condividi!

Ormai siamo al delirio. La sinistra difende il caporedattore Rai che ha invitato Salvini a suicidarsi e minacciato la sua bambina di 6 anni di ‘rieducazioe’, magari il ‘metodo Bibbiano’?

La vicenda:

Caporedattore di Radio 1 a Salvini: “Tempo sei mesi ti spari”

Caporedattore Radiorai1 vuole “rieducare” la figlia di Salvini

Oggi la sinistra difende questo strambo personaggio. A difenderlo anche Udo Gumpel, giornalista tedesco, lo ricordate?

Ecco il delirio:




3 pensieri su “La sinistra difende il giornalista che ha minacciato la figlia di 6 anni di Salvini”

  1. Per combinazione leggevo ora nel web la replica del reo. Vuole passare dalla parte della ragione facendo la vittima, infatti scrive testualmente: “la lega ha fatto presto a travisare le mie parole a proprio uso e piacimento” Oltre a non saper scrivere non conosce l’uso dei vocaboli in quanto c’era poco da travisare. Il suo comunicato non dava adito a dubbi. Erano minacce belle e buone. È probabile che lui sappia di più sull’esacerbazione del fenomeno di sequestro di bambini a genitori non politicamente corretti, anche in una proiezione temporale breve. L’avvertimento suona sinistro, temo che non saranno più solo i genitori che versano in condizioni di grave inopia ad essere in pericolo ma anche quelli che non si vogliono arrendere a subire soprusi dei dittatori.

  2. L’odio dei comunisti è sempre in agguato.
    Guai a non pensarla come loro e non agire di pari passo.
    A quando una ribellione della maggioranza del popolo italiano?
    A quando un rinnegamento del comunismo vecchio sovietico?
    Tanti paesi dell’Est si sono liberati dalla soggiogazione comunista,mentre in Italia è sempre più in auge,supportata dai politicanti della UE.

Lascia un commento