Africano armato di coltellaccio si scaglia contro passanti e carabinieri: “Non potete controllarmi”

Condividi!

I militari erano intervenuti a seguito di richieste di intervento da parte dei residenti della borgata, allarmati per la presenza di un africano che minacciava i passanti con due coltellacci da cucina.

VERIFICA LA NOTIZIA

Cosa che – tra l’altro – lo stesso aveva già fatto anche nei giorni scorsi, secondo le dichiarazioni testimoniali raccolte dagli investigatori dell’Arma, senza però essere mai stato individuato, in quanto, nonostante il tempestivo intervento dei carabinieri, lo straniero era sempre comunque riuscito ad andarsene prima dell’arrivo delle Forze dell’Ordine.

Alla richiesta dei militari di declinare le proprie generalità, l’africano si è scagliato urlante contro i Carabinieri armato di un coltello da cucina estratto da uno zaino. I militari sono riusciti a bloccarlo. Sfortunatamente senza sparare. Uno dei carabinieri è rimasto ferito.

Una volta perquisito, all’interno dello zaino in possesso, veniva rinvenuto anche un secondo coltello da cucina, che assieme all’altro venivano sequestrati, in quanto entrambi portati in luogo pubblico senza giustificato motivo dal 19enne.

Condotto in caserma, il giovane africano, privo di documenti di identità e di soggiorno, ha spiegato di essere senza fissa dimora e di pernottare in una baracca abusiva lungo l’ex pista adiacente il Cara di Borgo Mezzanone.

E’ finito in carcere. Per quanto?

E’ uno di loro:

Il Pd regala 100 alloggi a 400 immigrati: “Abbiamo bisogno di loro” – VIDEO




3 pensieri su “Africano armato di coltellaccio si scaglia contro passanti e carabinieri: “Non potete controllarmi””

  1. Abbiamo bisogno di un martire carabiniere, uno che spara al cuore quando vede una risorsa africana minacciosa. I colleghi devono mantenerlo in attesa che il popolo lo elegga senatore o deputato. Voglio un parlamento di sparatori di immigrati.

  2. Frollini siamo in 2 a volerlo, ma pare che il numero non fosse tanto più alto alle elezioni europee, Casapound non ha realizzato nemmeno i voti dei tesserati. Allora i casi sono due o i voti sono stati cancellati/cambiati o siamo davvero pochi a volerlo. Io mi vorrei mettere con un banchetto per la strada e vedere quante firme realizzo per mandare via la spazzatura. Mi chiedo se il deterrente di votare Casapound o Fn sia stato il filo conduttore con una politica del passato, insomma per dirla chiara: ammettendo un nostalgico ammiccamento col Fascismo ci siamo preclusi una fascia di leghisti scontenti di Salvini? Non sarebbe stato meglio affrontare i nuovi problemi offrendo una panoramica di quello che era il valissimo piano politico senza esibire troppa nostalgia? Abituare le masse piano piano portandoli a capire l’importanza degli avvenimenti passati solo quando fossero stati pronti.

Lascia un commento