Inquietante in città degli sbarchi: ha Tubercolosi multiresistente, lo trasportano così – FOTO

Condividi!

Attivato nell’aeroporto di Catania, la città degli sbarchi, il “Canale sanitario” di emergenza: un presidio medico strategico in airside per passeggeri ed equipaggi con malattie infettive altamente contagiose e pericolose. La procedura è stata avviata per trasferire un uomo con tubercolosi multiresistente dal reparto Malattie infettive dell’ospedale Garibaldi di Catania allo Spallanzani di Roma con procedure di alto biocontenimento.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il paziente è stato prima trasportato in airside a bordo di un mezzo della Croce Rossa Italiana in condizione di protezione con sistemi di alto biocontenimento per evitare il contagio poi trasferito a Pratica di Mare con un aeromobile dell’Aeronautica Militare e successivamente ricoverato all’Ospedale Spallanzani, centro nazionale di riferimento (insieme all’Ospedale Sacco di Milano) per le emergenze infettivologiche.

“La struttura, unica nel sud Italia (quello di Catania è il terzo aeroporto sanitario civile in Italia, dopo Milano Malpensa e Roma Fiumicino, ai quali si aggiunge quello militare di Pratica di Mare) è stata inaugurata lo scorso anno – si legge in una nota della Sac – A coordinare le operazioni, per il tramite della Prefettura di Catania, l’Ufficio di Sanità Aerea di Catania (Usmaf Sasn, organismo del Ministero della Salute, Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria). Senza questa struttura il paziente avrebbe dovuto sostenere un lungo e faticoso viaggio in autostrada.

Allarme TBC resistente ai farmaci: “Nel 90 per cento dei casi in immigrati”

Le operazioni sono state coordinate da Claudio Pulvirenti (direttore regionale Usmaf SasnSicilia) e da Sergio Pintaudi (referente per la Sicurezza sanitaria regionale), hanno coinvolto l’Aeronautica Militare (team di Biocontenimento dell’Infermeria Principale di Pratica di Mare), la direzione aeroportuale Enac, Sac (che ha realizzato il Canale Sanitario), la polizia di frontiera, i vigili del fuoco e la Croce Rossa Italiana.

Tubercolosi resistente agli antibiotici: 21 profughi infetti




Lascia un commento