Parla carabiniere sprangato dal profugo: “Era una furia, non riuscivamo a fermarlo”

Condividi!

Michele De Filippo, 53 anni, l’appuntato scelto che mercoledì mattina è stato selvaggiamente aggredito dal ventenne nigeriano Harmony Godsent, parla al giornale locale:

Indossa il collare, è visibilmente stanco e dolorante anche alla schiena. Negli occhi la commozione, quando gli chiediamo come si sente e di raccontarci quello che è successo. Accanto a lui, l’altro collega con cui ha vissuto momenti concitati. Michele De Filippo, 53 anni, l’appuntato scelto, in servizio nella stazione Frosinone Scalo, è il carabiniere che mercoledì mattina, è stato aggredito da Harmony Godsent, il ventenne nigeriano che ha seminato il panico nell’ufficio postale di via Fosse Ardeatine. Ha riportato 25 giorni di prognosi De Filippo, mentre i suoi due colleghi, Giancarlo Lauretti, sempre della Stazione Scalo, e Giordano Droghei, del nucleo radiomobile, anche loro appuntati scelti, ne avranno per 10 giorni. «Alle 12.20 abbiamo ricevuto la segnalazione dal comando.

Profugo spranga carabiniere, espulso per finta, Prefetto: “In Italia funziona così”

Avevano chiamato dalle Poste perché avevano problemi con un richiedente asilo che pretendeva i soldi, pur avendo il conto in rosso – ci racconta De Filippo – Quando siamo arrivati nell’ufficio sembrava fosse tutto tranquillo. Abbiamo chiesto i documenti al ragazzo per identificarlo. Senza fare storie ha preso la carta d’identità e me l’ha mostrata. Ma pochi istanti e con l’altra mano mi ha dato un pugno. Non ricordo più nulla». «Il collega è caduto e ha perso i sensi – ha aggiunto Lauretti – Solo per poco non ha colpito all’orecchio anche me. Era una furia, non riuscivamo a fermarlo. Ho visto il ragazzo girarsi e sferrare un pugno, ma per fortuna non ero lì dietro. Mi ha preso sulla guancia».

VERIFICA LA NOTIZIA

De Filippo ci ha subito interrotto per dirci una cosa che gli sta molto a cuore. «Vorrei ringraziare, e spero di poterlo fare di persona, l’uomo che mi ha aiutato, sostenuto, senza lasciarmi mai solo. È sceso dalla sua auto ed è venuto ad aiutarmi. Mi ha portato anche l’acqua e mi diceva di stare tranquillo. Che non avrebbe fatto avvicinare nessuno. La mia paura era anche per la pistola. E l’ho visto con me fino a quando non sono stato portato via con l’ambulanza in ospedale – e con commozione aggiunge – Non so chi sia, ma per me è stato un angelo». Anche se ha riportato meno ferite, pure Giancarlo Lauretti, 54 anni, è visibilmente dolorante. «Mi diceva “vieni, vieni” mentre teneva in mano la segnaletica stradale sradicata con forza poco prima. Tutto questo mentre passavano le auto, le persone e anche alcuni studenti della vicina scuola. Solo il tempestivo arrivo dei colleghi della Radiomobile, ha evitato sicuramente il peggio. Ho rincorso il nigeriano che poi è stato bloccato vicino al palazzo della Provincia. Anche in quel caso ha aggredito e ferito un collega».




Lascia un commento