Il senso dei migranti per lo stupro di gruppo: 99% dei casi

Condividi!

Secondo lei:

Speriamo di no. Perché i dati che arrivano dalla Svezia sono drammatici. Inquietanti.

Uno studio sui casi di stupro di gruppo da parte di un quotidiano svedese ha rivelato che quasi tutti gli uomini condannati per crimini di questo tipo in Svezia tra il 2016 e il 2017 avevano origini straniere.

Dati:

  • 32 dei 43 uomini condannati per stupro di gruppo sono immigrati.
  • 8 sono nati in Svezia da genitori nati all’estero.
  • 2 stupratori condannati sono nati in Svezia da un genitore immigrato e un genitore nato in Svezia,
  • e solo 1 è nato in Svezia da genitori entrambi nati in Svezia.

Quindi su 43 stupratori di gruppo presi in esame, 42 sono immigrati e 1 è, forse, svedese.

L’età media degli stupratori è 21 anni, con 13 minorenni e 14 dei 43 uomini – circa un terzo – già condannati per crimini precedenti.

Per quanto riguarda le sanzioni, Expressen ha scoperto che 29 sono stati incarcerati, con una media di tre anni di reclusione, ma in alcuni casi sono stati inclusi altri reati nelle loro sentenze. Altri due sono stati condannati al servizio civile.

Dieci sono stati condannati a “servizi di protezione della gioventù”, che rimanda i giovani delinquenti ai servizi sociali, che poi sviluppano un “piano di assistenza” per sottrarre i giovani stupratori dalla criminalità.

Immigrati: “Molesta e aggredisci la donna bianca, usala come vuoi”

Altre due persone sono state chiamate a svolgere un “servizio per i giovani”, una pena di lavoro non retribuita che può essere concessa come alternativa al carcere per criminali di età compresa tra i 15 e i 21 anni.

Sono 15 stupratori condannati, tutti nati all’estero e non aventi diritto di risiedere in Svezia, sono stati condannati all’espulsione.

VERIFICA LA NOTIZIA




Lascia un commento