Nave Ong razzia clandestini in Libia: sequestrarla appena attracca in Italia

Condividi!

”Le cosiddette Ong stanno riprendendo su vasta scala un’opera di fiancheggiamento dei trafficanti di persone che operano in Libia. In particolare Open Arms ha sfidato la guardia costiera libica che chiedeva giustamente di poter riportare sul proprio territorio le persone illegalmente partite dalle coste africane. Abbiamo varato, nella scorsa legislatura, un regolamento per le Ong che deve essere rispettato da tutti. Anche dalle autorita’ italiane e dalla guardia costiera del nostro Paese”. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI).

Malta rifiuta nave Ong carica di clandestini, diretta verso Italia

”Si e’ discusso nel Parlamento, – aggiunge – sono state prese delle decisioni all’unanimita’ grazie all’iniziativa di Forza Italia. Ora non si puo’ ricominciare daccapo. L’Italia deve contribuire a una politica di controllo delle nostre frontiere marittime. Queste Ong svolgono un’azione temeraria, sono un pericolo nel Mediterraneo. Siamo consapevoli che in Italia non solo le iniziative di Forza Italia ma anche l’impegno di altre forze politiche hanno contribuito a un’inversione di rotta. Bisogna tenere alta la guardia, denunciare cio’ che sta avvenendo e mettere in evidenza l’azione provocatoria che alcune Ong stanno nuovamente mettendo in atto nel Mediterraneo”.

VERIFICA LA NOTIZIA

Noi andiamo oltre. Visto che la nave della famigerata ong spagnola Open Arms, dopo il rifiuto di Malta, è stata come sempre invitata a venire in Italia, che la si sequestri appena attracca.

Si tratta di questa Ong:

Nuovo video incastra Ong: contatto con scafisti libici – VIDEO

Perché sono ancora a piede libero? Perché possono attraccare in Italia senza conseguenze?




Lascia un commento