Lega mette le ali: è boom al 22,3 per cento

Condividi!

Per Matteo Salvini la campagna elettorale non e’ mai finita. Incaricato dagli altri leader del centrodestra, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, di trattare con gli altri partiti per arrivare a sciogliere l’articolato ‘rebus’ della presidenze delle Camere, il ‘capitano’ leghista ha avviato il dialogo telefonico con Luigi Di Maio, Maurizio Martina e Pietro Grasso, con la promessa che risentira’ il candidato premier del M5s entro lunedi’. Ma in questi giorni e’ soprattutto impegnato in comizi e incontri sul territorio, con un’agenda di appuntamenti pubblici che ha il ‘ritmo’ concitato tipico della campagna elettorale. Ieri e’ stato prima a Modena, alle 16:30; poi, nel Veronese, a San Giovanni Lupatoto, alle 18:30; e infine, a Trento, alle 20:30. Domani sara’ in Calabria dove e’ stato eletto senatore: in agenda al momento un unico appuntamento, a Rosarno, zona martire dell’immigrazione nel Reggino. Per domenica sta organizzando un appuntamento pubblico a Milano, mentre lunedi’ sara’ in Friuli, dove in vista delle prossime regionali, la Lega spinge per schierare il capogruppo uscente di Montecitorio, Massimiliano Fedriga.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tutti gli appuntamenti hanno lo stesso titolo, ‘Prima gli italiani, prima il lavoro’, che, con variazione minima (l’aggiunta del tema del lavoro) ricalca lo slogan della campagna elettorale appena trascorsa. A chi fa notare l’attivismo da campagna elettorale del segretario leghista, in via Bellerio rispondono citando un sondaggio recente che segnala un balzo in meno di due settimane dal 17,4% al 22,3, mentre Forza Italia scenderebbe al 10,5% e Fratelli d’Italia al 3,1%. Con l’alleanza a trazione leghista che avanzerebbe vicino alla maggioranza assoluta in caso di elezioni, anche con questa legge elettorale.




Lascia un commento