Ong francese rifiuta Taranto: “Vogliamo un porto siciliano”, sbarchi a raffica

Condividi!

Altro porto assegnato a una nave delle ong. Geo Barents arriverà nelle prossime ore al porto di Taranto con a bordo 65 clandestini. Ma nonostante l’assegnazione, l’equipaggio di Msf si è lamentato per aver ottenuto Taranto e non un porto della Sicilia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Oltre a pretendere un porto esclusivamente, le ong in Italia vorrebbero anche decidere dove sbarcare: “Dopo 4 giorni, il Viminale ci ha finalmente assegnato Taranto come luogo sicuro per lo sbarco dei 65 sopravvissuti a bordo. Il porto dista circa 24 ore dalla nostra posizione attuale, il che significa un altro giorno di attesa in mare”.

Geo Barents, infatti, a giorni si trovava all’interno delle acque territoriali italiane nell’area del golfo di Augusta, dove aveva fatto irruzione senza alcun permesso, come ormai d’abitudine per la flotta delle ong straniere.

La nave batte bandiera norvegese ed è parte del parco mezzi della famigerata ong Msf.

Nella giornata di ieri un gruppo di 90 invasori è riuscito ad arrivare fino alla rada di Augusta e ad arenarsi con la barca a vela al faro Santa Croce, tra lo sguardo allibito dei bagnanti, che hanno immediatamente informato le forze dell’ordine. Inutilmente.

A bordo prevalentemente musulmani di sesso maschile. Lo scorso 23 giugno, inoltre, il porto di Augusta era stato assegnato come porto a un’altra imbarcazione delle ong, la spagnola Aita Mari, che ne ha sbarcati più di 110 nel porto siracusano.

Durante la giornata di oggi, una motovedetta della guardia costiera è partita da Pozzallo, sempre in Sicilia, per andare a raggiungere una barca in legno in difficoltà a 140 miglia dalle coste italiane. A bordo 70 clandestini islamici.

Si trova ancora in mare un’altra nave delle ong, la Ocean Viking, anch’essa battente bandiera norvegese, a bordo della quale si trovano attualmente 228 scrocconi.

Draghi ha prostituito i porti italiani alle ong e agli scafisti. E il Pd vuole rendere il carico ‘italiano’ per legge.




Un pensiero su “Ong francese rifiuta Taranto: “Vogliamo un porto siciliano”, sbarchi a raffica”

  1. 2 giorni di navigazione 48×400 litri = circa 20.000 euro che le ong hanno di mancato guadagno

I commenti sono chiusi.