Vaiolo delle scimmie, nuova variante più trasmissibile dall’Africa mentre sbarcano mille africani al giorno

Condividi!

Finirà malissimo. Non vogliono capire che tutti questi virus e queste mutazioni sono solo la spia di una malattia: la Globalizzazione. Il movimento frenetico di popolazioni genera l’insorgere di virus e varianti a casa nostra. Fino a quello finale.

Casi di vaiolo delle scimmie che si moltiplicano in un numero sempre maggiore di Paesi, con trasmissione uomo-uomo, anche in persone che non hanno fatto viaggi recenti in aree a rischio. Un elemento che stupisce le autorità sanitarie internazionali (“per l’Europa è la prima volta”, osservava ieri l’Ecdc), e che risulta “singolare” anche a Carlo La Vecchia, epidemiologo dell’università Statale di Milano. Potrebbe essere cambiato qualcosa nella natura del virus responsabile del ‘monkeypox’? “Questo è molto probabile”, dice l’esperto all’Adnkronos Salute. Una nuova variante? “Sembra logico ipotizzarla”, risponde.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Di questo virus – ricorda La Vecchia – c’erano già due varianti, una in Congo e una nell’Africa occidentale in generale”, quindi per l’epidemiologo è plausibile “che possa esserne comparsa un’altra in grado, pur con difficoltà, di trasmettersi da uomo a uomo anche al di fuori dall’ambiente africano”.

In ogni caso, “la restrizione a un solo sesso” che almeno finora sembra avere l’infezione, secondo l’esperto “indica che non c’è una trasmissione diffusa” e che “evidentemente siamo di fronte a una contagiosità relativamente limitata”.

“Questi sono anche i primi casi al mondo segnalati tra gli Msm”, maschi che hanno rapporti sessuali con maschi, segnalava sempre ieri il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Come interpretare questa informazione? “Senza dubbio questo non è un virus a trasmissione sessuale”, chiarisce per prima cosa La Vecchia. Tuttavia al momento “la restrizione a un solo sesso” appare oggettiva, pertanto “evidentemente si è formato un cluster all’interno di questa comunità – ragiona l’epidemiologo – e nell’ambito di contatti personali stretti si è verificata una trasmissione”.

Intanto i controlli:

Clandestini si lanciano da ONG trafficanti senza frontiere per non essere identificati




4 pensieri su “Vaiolo delle scimmie, nuova variante più trasmissibile dall’Africa mentre sbarcano mille africani al giorno”

  1. Segnalata nuova variante del virus…..Non è che ci sia di mezzo la lurida manaccia di qualche stronzo che non ha di meglio da fare che produrre virus letali modificati geneticamente?

I commenti sono chiusi.