Profugo afghano stupra donna e poi l’abbandona in un pozzo

Condividi!

Un profugo afghano sulla quarantina, di quelli che Draghi ha portato in Italia a migliaia col famigerato ponte aereo, è stato arrestato per avere violentato una donna a Norberg e poi di averla spinta in un pozzo minerario.

Arrivato in Svezia durante il periodo della crisi dei rifugiati nel 2015, gli è stato rifiutato il permesso di soggiorno, ma è comunque rimasto nel Paese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo scorso venerdì pomeriggio un padre di passaggio con i suoi figli ha sentito una donna chiedere aiuto da un pozzo a Långgruvan, a ovest di Avesta, nel comune di Norberg. Si è scoperto che la donna era stata violentata, spinta nella fossa e lasciata lì per morta.

Lo stupratore si fa chiamare Mohamad Amini e, secondo il suo certificato di nascita, ha 41 anni. Tuttavia, la sua identità non è stata confermata e le autorità svedesi non sono state in grado di stabilire con certezza la sua nazionalità, ma ci sono indicazioni che sia originario dell’Afghanistan.

Cinque afghani stuprano handicappata: sodomizzata con bottiglia

Secondo Aftonbladet, la donna che è stata trovata nel pozzo minerario tra Avesta e Norberg era una donna che Mohamad Amini voleva sposare. Ma la donna ha rifiutato la proposta dell’uomo, che poi si è vendicato violentandola e spingendola nella fossa.

“Lei è stata fortunata. C’era della neve in fondo alla buca su cui è atterrata e che è stata in grado di attutire la sua caduta. Ma è un’alta quota. In generale le cose non finiscono bene quando si cade da 20 metri” , spiega al quotidiano Lars Johansson, capo dei servizi di emergenza di Avesta.

AFGHANI IN PRIMA FILA NEGLI STUPRI DI GRUPPO: PONTE AEREO DI STUPRATORI

La donna è stata salvata dal pozzo della miniera in elicottero. Non si sa ancora per quanto tempo la donna sia rimasta intrappolata nella fossa prima di essere soccorsa.

Mohamad Amini ha precedenti penali. È stato condannato due volte per guida in stato di ebbrezza e una per reati minori di droga. Ogni volta, la sanzione è stata una multa.




2 pensieri su “Profugo afghano stupra donna e poi l’abbandona in un pozzo”

  1. Ecco come viene considerata la donna….Usata e buttata via come una cartaccia.Bastardi.

I commenti sono chiusi.