Acquistavano droga col reddito di cittadinanza: al pusher le carte su cui veniva accreditato il sussidio

Condividi!

Con il reddito di cittadinanza compravano la droga. Al pusher avevano dato direttamente le Postepay così che potesse ogni mese ritirare i soldi del sussidio senza dover attendere i loro pagamenti. A scoprire questa modalità di acquisto sono stati gli agenti di polizia di Novara.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli agenti durante delle perquisizioni hanno trovato nella casa dello spacciatore di 61 anni 116 dosi di droga pari a 81 grammi di cocaina. Ma soprattutto hanno scoperto numerose Postepay di persone residenti nel novarese. Sono così riusciti a risalire a tre di loro: un 35enne, un 43enne e un 63enne.

Le carte che avevano ceduto erano quelle su cui veniva accreditato il reddito di cittadinanza. Ad ogni inizio mese, quando il sussidio veniva accreditato, lo spacciatore andava a ritirare i soldi che servivano per pagare la merce.

Denunciata uno spacciatore di 47 anni, nazionalità albanese, per traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.




Un pensiero su “Acquistavano droga col reddito di cittadinanza: al pusher le carte su cui veniva accreditato il sussidio”

  1. A 63 anni si droga?Dev’essere un tossico anni 70 di quelli eroinomani che non li ammazza piu’ niente.
    Complimenti all’africano venditore di bibite, tanti la tua razza ci campa da sempre con sti sistemi eh, parassita del sud?

I commenti sono chiusi.