Ventimiglia assediata dai migranti: sfondano il negozio e pisciano all’ingresso

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

“Per l’ennesima volta mi trovo a segnalare un fatto di estremo degrado successo di fronte all’ingresso del mio negozio in via Cavour a Ventimiglia dove l’altra notte un individuo, in chiaro stato di ubriachezza, dapprima ha tentato di sfondare la porta del mio locale finendo per urinare davanti all’ingresso”. Ad intervenire è il consigliere di Dolceacqua Igor Cassini che ha appunto un esercizio commerciale nella città di confine.

“Ormai questi episodi sono all’ordine del giorno – spiega Cassini -, la notte è pressoché impossibile camminare in sicurezza per le vie del centro. Solo negli ultimi mesi si sono susseguite aggressioni, omicidi, atti di vandalismo, furti, rapine e danneggiamenti. Il degrado è lampante e chi, come me, ha investito in un attività commerciale a Ventimiglia, adesso paga a carissimo prezzo lo stato di abbandono in cui la città versa. Io però amo Ventimiglia e non intendo abbandonare questo posto. Per questo mi auguro che chi di dovere ascolti l’appello che lancio e cerchi di predisporre delle misure di sicurezza e prevenzione effettive e reali che ci permettano di chiudere il nostro negozio alla sera consapevoli di trovarlo nelle stesse condizioni al momento della riapertura del mattino che ci permettano di servire nuovamente i vecchi clienti, che ormai non vengono più”.

“E ancora, prosegue, che ci permettano di fare un passeggiata senza avere la paura di essere importunati o peggio, aggrediti, che ci permettano di poter passeggiare sui marciapiedi del centro senza sentire gli odori di deiezioni fisiche. Insomma che ci ridiano la possibilità di vivere nuovamente in pace nella nostra città. Vorrei anche sottolineare – conclude Cassini – che presumibilmente quel soggetto del video della sera scorsa, potrebbe essere collegato ad altri atti denunciati in questo periodo, in particolare l’episodio della mamma aggredita con i due bimbi piccoli nei giardinetti Tommaso Reggio nel cuore di Ventimiglia. Prestate attenzione”.




4 pensieri su “Ventimiglia assediata dai migranti: sfondano il negozio e pisciano all’ingresso”

  1. E x inciso la
    Provincia di Imperia è storicamente provincia non rossa di tutta la Liguria…..

  2. Questo Igor Cassini non deve chiamare gli sbirri, deve chiamare l’esorcista! Negli ultimi 3 anni il suo negozio è stato al centro di almeno altri 3 casi gravi di cronaca nera. Oltre al fatto che il povero Cassini sia anche stato macinato da una jeep ad un incrocio.

I commenti sono chiusi.