Sara stuprata da 150 immigrati islamici a 13 anni: “volevamo scopare una cagna bianca”

Condividi!

Una giovane donna testimonia a Sky News di essere stata “venduta come oggetto sessuale” da una gang di immigrati islamici dopo essere stata violentata per la prima volta all’età di 13 anni. Le vittime sono state minacciate con armi, tra cui un Taser e un martello, e i colpevoli non sono stati perseguiti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si dice che una banda di molestatori di bambini sia a piede libero nella città di Hull.

Sky News ha parlato con tre giovani donne che hanno mosso gravi accuse, fornendo documenti a sostegno delle loro testimonianze. Altre due vittime hanno reso la loro testimonianza.

L’operazione Marksman è stata chiusa dopo due anni di indagine, con la polizia che ha detto alle vittime di aver esaurito tutte le vie di indagine.

Ma nella loro prima intervista televisiva, le donne al centro del caso affermano di credere che ci fossero prove sufficienti per andare in tribunale. Sky News ha esaminato le prove fornite da una giovane donna di nome Sarah (non il suo vero nome).

Queste includono messaggi di un uomo che minaccia di ucciderla “se non andava immediatamente” per fare sesso con un certo numero di uomini.

Sarah dice che all’età di 13 anni, è stata abusata e “rapinta” da due uomini e uno di loro l’ha violentata. Dice: “Mi è salito sopra e mi ha violentata, ed ero solo una ragazzina di 13 anni indifesa. Terrorizzata.”

Poi l’ha portata in un edificio: “Aveva ovviamente deciso che ero una candidata per fare il passo successivo”, ha detto.

“Mi ha presentato un altro ragazzo e ha scambiato soldi con lui, e ho scoperto in seguito che ero stata venduta nel commercio del sesso (…) Questa stanza, questo appartamento, mi ha preso. Mi ha portato via la mia infanzia.”

“Penso di essere stata violentata da circa 150 uomini in quel periodo di tre anni, a volte 10 o 11 uomini volevano violentarmi in un giorno”.

(…) In un grafico realizzato da Sarah per la polizia, identifica 11 attori chiave che sono entrati nell’appartamento: i due protettori, l’acquirente e alcuni membri e clienti regolari della banda.

Li numera persino e fornisce foto per aiutare a identificare alcuni degli uomini.

Ha detto: “Ero bionda, non avevo seno, sembravo una bambina – ed è quello che gli piaceva – più giovane è, meglio è.”

“C’erano ragazzine che erano in età scolare”.

“Non dimenticherò mai quella ragazzina che ho visto seduta lì con l’uniforme della scuola elementare, probabilmente di otto o nove anni”.

“Era lì con sua sorella, che era un po’ più grande. Ricordo che stava urlando in quella stanza”.

Sarah ha anche disegnato oggetti nell’appartamento usati per intimidire e controllare le ragazzina, tra cui un Taser, un martello e delle manette.

Dice che una volta era ammanettata al termosifone e che a volte l’abuso è stato filmato.

“Ci sono video di me, ragazza di 13, 14 e 15 anni, violentata da uomini”, ha detto.

“Li ho visti. Me li hanno mostrati. Uno dei video è intitolato “La ragazza inglese si fa scopare contro la sua stessa volontà…”. Si stavano solo approfittando di me”.

“Un sacco di uomini che ti fottono, chiedono di te. Vogliono scopare una cagna bianca ”

“Non sono una puttana”

“Sì, sei una puttana”

Ora 19 anni, Sarah è una delle tante giovani donne che ha detto a Sky News di essere delusa che le indagini della polizia si siano bloccate.

Afferma che nella sua prima adolescenza, è stata minacciata di essere sepolta viva o bruciata se non fosse tornata regolarmente nell’appartamento per essere violentata dagli uomini.

(…) Anna (un’altra vittima) ha raccolto prove schiaccianti: il suo diario adolescenziale e le foto di lividi e strangolamento.

Il suo diario, sequestrato dalla polizia e poi restituito, offre uno sguardo straziante sul suo mondo delle giovane vittime bianche di abusi sessuali degli immigrati pakistani.

Estratto da un brano del diario, in cui la giovane si dichiara “spaventata”, “terrorizzata” e “maltrattata”, “conducendo una doppia vita”

Il primo abuso raccontato nel diario di Anna risale all’1 novembre 2018, dove descrive di essere stata “morsa, presa a pugni/schiaffi, trascinata per le gambe, inchiodata a terra, con la mano sulla bocca, sputata, bruciata, soffocata, strangolata” da un uomo. Continua: “Stupro… non posso ancora scriverne, è troppo fresco”.

Dopodiché, un gruppo di diversi uomini più anziani sembra prendere il controllo della sua vita.

E’ una delle migliaia di vicende degli stupri etnici inglesi:

Gli stupri etnici di Rotherham: 1.500 bambine bianche stuprate da gang islamiche




10 pensieri su “Sara stuprata da 150 immigrati islamici a 13 anni: “volevamo scopare una cagna bianca””

  1. Ci saranno anche ragazze predisposte, ma la cosa più schifosa è stata l’omertà della polizia inglese e degli assistenti sociali, che hanno permesso tutto questo, in cambio dello stipendio e nessuna noia razzista. Questo è uno schifo.

    1. Questo senz’altro. Non voglio gettare tutta la croce sulle spalle delle ragazzine. Però… Nel 2018 di storielle di kebab alla bimba ne avevamo già sentite…

I commenti sono chiusi.