Variante Omicron ha troppe mutazioni, scienziati: “Chi è stato?”

Condividi!

Alcuni scienziati si chiedono se dietro il virus che ha dato origine alla variante omicron vi sia una mano umana. Ma non troppo umana.

VERIFICA LA NOTIZIA
L’emergere della variante africana omicron di COVID-19 sta sollevando nuove domande sull’origine ancora indeterminata dell’epidemia di coronavirus e se sia trapelata da un laboratorio di ricerca cinese a Wuhan nel 2019.

Il dottor Anthony Fauci, il capo funzionario responsabile della risposta alla pandemia dell’amministrazione Biden, ha affermato che le mutazioni del virus nella variante omicron indicano un’evoluzione insolita e rapida. Le mutazioni sono “molto diverse” dalle precedenti varianti del virus, sebbene alcune delle mutazioni possano essere trovate nella variante delta e siano collegate a una maggiore trasmissibilità ed evasione immunitaria, ha affermato.

“C’è una costellazione molto insolita di cambiamenti nel genoma SARS-CoV-2, con più di 30 di essi nell’importante proteina spike che è il fine ultimo del virus, in particolare nel suo dominio di legame al recettore ci sono circa 10 mutazioni lì”, ha detto il dottor Fauci ai giornalisti martedì.

SARS-CoV-2 è il nome ufficiale del virus che causa il COVID-19.

Il gran numero di mutazioni sta sollevando nuove preoccupazioni sul fatto che il virus possa essere stato creato in laboratorio.

Secondo un ex medico militare, ci sono mutazioni significative vicino a quello che viene chiamato il “taglio della furina”, l’area che può aumentare la virulenza del virus, che stanno suscitando nuove preoccupazioni tra i funzionari della sanità pubblica.

Un articolo di agosto sulla rivista Lancet Microbe afferma: “La presenza di un taglio della furina nell’interfaccia SARS-CoV-2 S1-S2 è quindi altamente insolita, portando all’ipotesi della manipolazione che ha recentemente guadagnato notevole attenzione come possibile origine” di COVID-19.

I virus, secondo gli esperti medici, tendono ad evolversi da virus esistenti che stanno già circolando, come la variante delta, non dal primo ceppo virale emerso in Cina.

Tuttavia, la variante omicron sembra derivare direttamente dal virus SARS-CoV-2 originale, una cosa che non è stata osservata in natura da mesi.

La variante dell’omicron ha particolarmente preoccupato i virologi perché sembra essere molto diversa dal ceppo “originale” del virus, il ceppo che erano gli attuali vaccini COVID-19 progettati per combattere.

Il rapporto afferma che omicron ha 50 mutazioni in tutto e 32 sono collegate alla proteina spike che gli consente di entrare nelle cellule ospiti. La proteina spike è il bersaglio della maggior parte dei vaccini attuali.

Ciò ha sollevato preoccupazioni sul fatto che il ceppo avrà una straordinaria capacità di infettare gli esseri umani.

“Il profilo genetico di Omicron ha sollevato preoccupazioni legittime, ma allo stesso tempo c’è una marcata carenza di dati reali per essere sicuri. Di conseguenza, nessuno ha il quadro completo di cosa sia o non sia capace la variante dell’omicron. Non conosciamo l’entità della minaccia rappresentata da omicron”, ha affermato il post di Science.

L’insolita evoluzione di omicron e la tempistica della sua comparsa – proprio mentre il mondo sta affrontando la variante delta – dovrebbero alimentare nuove indagini per stabilire se il virus sia stato prodotto nell’Istituto di virologia cinese di Wuhan.




10 pensieri su “Variante Omicron ha troppe mutazioni, scienziati: “Chi è stato?””

  1. Il mondo è fatto a scale,chi le scende e chi le sale.Caronte si è fermato al pianerottolo a prendere fiato….E’ vecchio e rimbambito.Perdonatelo ed aiutatelo se potete.Al mondo ci sono medici che si dannano l’anima per sanare i mali dell’umanità,al contrario ce ne sono altri che non se la dannano proprio aggravando ancora di più i mali e creandone altri che sono peggio di quelli che ci sono già…Ma un virus che muta 50 volte nel giro di 2 anni che è un virus che si trova in natura,oppure è stato creato da qualche stronzo?

    1. Gli stronzi di quel tipo lavorano in squadroni molto ben finanziati ed organizzati. Sarebbe alquanto improprio individuare UN capro espiatorio. Per la fila delle croci necessarie per l’epurazione questa volta la via Cassia è palesemente insufficiente.

I commenti sono chiusi.