Marocchino sgozza ghanese alla stazione di Mantova: è la società multietnica

Condividi!

E’ l’immigrazione da mettere fuorilegge, come il partito che la porta avanti: il PD.

Un africano di 21 anni è morto questa mattina all’ospedale Carlo Poma di Mantova, dove era stato ricoverato ieri sera dopo essere stato ferito gravemente al termine di un diverbio con altri due giovani stranieri. Il ragazzo, 21enne ghanese, era arrivato al pronto soccorso in fin di vita.

Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri, che indagano sul caso, sembra che la vittima avesse accusato due coetanei di avergli rubato il cellulare. Erano le 22 di ieri sera quando l’alterco fra i tre, nei pressi della stazione ferroviaria di Mantova, è degenerato. All’improvviso il 21enne si è accasciato a terra tenendosi il ventre, mentre gli altri due fuggivano. Il ragazzo è stato gravemente ferito, non è chiaro se con una coltellata o con un coccio di bottiglia.

I carabinieri stanno ora passando al vaglio le immagini del servizio di videosorveglianza della città per cercare di capire la dinamica dei fatti, ancora da chiarire. Nel frattempo uno dei due giovani in fuga è stato individuato dai carabinieri: si tratta di un 22enne marocchino, ritenuto l’autore del fendente risultato poi fatale, sottoposto a fermo di indiziato di delitto. L’udienza di convalida davanti al gip è prevista nei prossimi giorni. Stando alle prime testimonianze raccolte dai militari intervenuti sul posto, a scatenare il litigio sarebbe stato un tentativo di furto di cellulare da parte dell’aggressore ma secondo gli investigatori dell’Arma, tuttavia, il movente sarebbe legato a questioni di droga.

Marocchino sgozza ghanese a Mantova




2 pensieri su “Marocchino sgozza ghanese alla stazione di Mantova: è la società multietnica”

Lascia un commento