Risorsa pesta poliziotto: ferite multiple e gli spacca le costole

Condividi!

Ha inveito contro i poliziotti della squadra volante e ha ferito gravemente uno di loro, rompendogli una costola, con prognosi di venti giorni. Abdarazak Aboudi, marocchino di 28 anni, regolare in Italia, è stato arrestato per per resistenza e lesioni gravi a pubblico ufficiale.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tutto è nato dal controllo alle 12.30 in via Bixio, all’incrocio con via Torino, di due nordafricani, uno dei quali noto per i precedenti. Quest’ultimo, un tunisino di 20 anni, regolare e già destinatario del foglio di via obbligatorio, è stato denunciato per non avervi ottemperato. L’altro giovane, alla richiesta di fornire le proprie generalità, si rifiutava e manteneva un atteggiamento aggressivo, urlando contro i poliziotti intervenuti. Invitato a seguire gli agenti in questura per gli accertamenti, dava in escandescenza brandendo, con fare nervoso, una bottiglia in vetro, minacciandone l’utilizzo contro gli agenti che cercavano, con non poche difficoltà, di calmarlo. Il 28enne opponeva forte resistenza, sferrando calci e pugni contro i poliziotti, che faceva cadere a terra. Ad avere la peggio è stato un agente che ha riportato contusioni all’orecchio, alla spalla e al braccio, al ginocchio e la frattura composta di una costola.

L’altro poliziotto se la è cavata invece con contusioni guaribili in quattro giorni. Dopo qualche minuto, arrivava sul posto un’altra volante e gli agenti riuscivano a immobilizzare Aboudi, considerando anche la presenza di passanti. Portato in questura, lo straniero persisteva nella sua condotta violenta anche in ufficio inveendo nei confronti degli operanti.

Ieri mattina Abdarazak Aboudi, difeso dall’avvocato Patrizia Della Corte, è comparso davanti al giudice Marinella Acerbi che ha convalidato l’arresto e applicato la misura cautelare del divieto di dimora in provincia, rigettando l’istanza per il patteggiamento subordinato alla sospensione condizionale della pena. L’udienza è stata rinviata al 5 marzo. In ragione anche delle gravi condotte penali pregresse, la posizione di soggiorno dello straniero è al vaglio dell’ufficio immigrazione.




5 pensieri su “Risorsa pesta poliziotto: ferite multiple e gli spacca le costole”

  1. L’udienza rinviata al 5 marzo e’ quella per decidere il rinvio a giudizio, che non si cosa voglia dire ma che il figlio di Beppe Grillo sta evitando da un anno e mezzo? Perché non si sbriga o a giudicare il rampollo accusato di stupro di gruppo su una ragazzina e di aver appoggiato le sue palle sulla fronte di un’altra ragazzina incosciente perché fatta ubriacare?

  2. Veramente non riesco a capire come – agenti di polizia, CC, GdF e polizia municipale – possano operare con queste regole di ingaggio e come possano tollerare di essere mandati allo sbaraglio per poi registrare la ignavia delle sedi giurisdizionali..
    Quello che è davvero intollerabile è che sono sempre più stranieri ad essere recalcitranti e violenti avverso le FF.OO.
    La legge è uguale per tutti ma per i cittadini stranieri dovrebbe essere più “uguale”; chi non si sottopone ai controlli di pubblica sicurezza va mandato immediatamente fuori dall’Italia.
    Che ve lo dico a fare?

Lascia un commento