AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Di Battista dimentica i morti: “Il problema è l’islamofobia”

Vox
Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
«È triste vedere quanto l’islamofobia, che ha colpito molta opinione pubblica a livello mondiale, nonostante le prime vittime del terrorismo fondamentalista islamico siano gli stessi musulmani, abbia evidentemente spinto molte persone a fare di tutta l’erba un fascio e a dimenticarsi dei diritti sacrosanti di un popolo come quello palestinese».

Vox

Nel 2014 scriveva così sul blog di Beppe Grillo: «Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana». E poi ancora: «Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione».




13 pensieri su “Di Battista dimentica i morti: “Il problema è l’islamofobia””

  1. Quanto sono inferiori e stupidi i mussulmani?Vai in un paese straniero, con una religione diversa, fai il parassita xché sono così idioti da mantenerti e tu?Decapiti statue?Vuoi imporre la tua cazzo di religione?Certo, più stupido chi ti accoglie anziché riempirti di piombo a vista come sarebbe naturale e sacrosanto però…
    A parti inverse non mi passerebbe x l’anticamera del cervello di vandalizzare statue in casa d’altri!Non deve esistere dialogo con questi, solo levarli dal cazzo che sono uno sbaglio della natura!!!

  2. Lungi da me di passare per un sostenitore dell’acefalo Di Battista ma “«Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione».” è in effetti quello che hanno fatto tutti i presidenti Usa dopo Bush piccolo (compreso Trump) con i talebani in Afghanistan. Tanto per ribadire com’è curiosa la storia

    1. Non per coglierti in fallo ma “Bush piccolo” istintivamente porterebbe a classificare il suo parente di primo grado e predecessore come “grande”
      Visto che non hanno brillato come presidenti, direi che “padre-figlio” oppure “junior-senior” andrebbe benone.

I commenti sono chiusi.