Bergoglio finalmente Papa: “Ginecologi che praticano aborti sono sicari”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Bergoglio prende carta e penna e scrive una lettera, inviata il 22 novembre a Victoria Morales Gorleri, parlamentare argentina di destra e cattolica, soprannominata dalle sue parti «la diputada del Papa», portavoce del gruppo di donne dei quartieri popolari di Buenos Aires che assieme a molti altri è sceso in piazza per fermare la legge sulla legalizzazione dell’aborto che sarà discussa da martedì nella Camera dei deputati argentina.

«Quanto al problema dell’aborto», scrive, «bisogna tenere presente che non si tratta di una questione primariamente religiosa, ma di etica umana, anteriore a qualsiasi confessione religiosa». E fa due domande: «È giusto eliminare una vita umana per risolvere un problema? È giusto assoldare un sicario per risolvere un problema?».




9 pensieri su “Bergoglio finalmente Papa: “Ginecologi che praticano aborti sono sicari””

  1. Presa di posizione assolutamente giusta, ma rimane sempre un’apostata.

    In Argentina ci avevano già provato due anni fa a legalizzare l’aborto, ma la legge fu bloccata al senato. Il fatto é che però all’epoca la maggioranza era diversa, oggi invece c’é la sinistra liberalprogressista al potere, e dunque maggioranza al parlamento. Paese che vai, sinistra antinatalista che trovi.

    Spero ovviamente che l’aborto in Argentina non passi nemmeno questa volta, se non altro perché si tratta di un paese che allo stato attuale é razzialmente più bianco di tanti nostri paesi europei. Da notare come dove vivono i bianchi promuovono tutti gli strumenti possibili per non farli procreare. In Africa invece li lasciano proliferare come le zanzare, perché sono ne(g)ri.

    1. «È giusto eliminare una vita umana per risolvere un problema? È giusto assoldare un sicario per risolvere un problema?».
      Questa domanda dovrebbe porla anche ai diversamente religiosi, per quanto riguarda le vittime continue, dell’integralismi islamico. Noi “infedeli”, rappresentiamo un problema, secondo loro, ma ovviamente non è così. Primo perché l’Europa è l’occidente, hanno una lunga tradizione di libertà e di rispetto reciproco, secondo il benessere che c’era e che c’è, sebbene in misura minore rispetto ad anni fa, l’abbiamo creato noi, con impegno e fatica. Terzo su ricordino i signori che vengono dai barconi, di ringraziare le nostre fatiche, leggi e comandanti pro invasione, se stanno qui anche per alcuni anni, a farsi mantenere.
      Anche io condivido il tema che la salvaguardia dei feti dovrebbe essere a livello nazionale, nello specifico in Italia, considerando che siamo comandati da persone che odiano la vita, il diritto di procrearla, nella maniera naturale ed i bambini che hanno difficoltà, per darli in affido, a chi non si sa. Non è una questione di rima!

  2. Siete davvero spiritosi. Applaudite un’iniziativa rivolta a salvaguardare le nascite di un paese straniero, precisamente il SUO, mica si sta occupando dei non-nati italiani! La battaglia che sostiene per l’argentina vale anche per l’africa naturalmente, dategli tempo! Se le sue intenzioni fossero state quelle di contrastare l’aborto in generale non avrebbe difeso i feti argentini, sarebbe partito con un pippone sul tema specifico.

    1. A me preoccupa la demografia di tutti i paesi di razza bianca, Italia compresa. E’ inaccettabile il fatto che l’aborto legalizzato venga promosso nei paesi di razza bianca o a maggioranza di razza bianca. Due anni fa è caduto l’ultimo baluardo, la cattolicissima (relativamente) Irlanda, che era rimasto l’unico paese europeo in cui lo Stato vietava l’aborto. Non a caso era il più fecondo d’Europa.

      Chiaramente nessun papa può essere favorevole alla riduzione delle nascite in Africa (che è necessaria), ma di sicuro l’Argentino che è per la sostituzione etnica in Europa è contrario più di chiunque. Io da laico cattolico sono contrario all’aborto senza limiti per motivi etici, e da identitario etnorazziale contrario perché causa l’estinzione della propria stirpe. Sono per una procreazione volontaria e responsabile, quindi giusto conoscere la contraccezione. Sull’Africa, i cui spaventosi ritmi demografici sono una seria minaccia per noi, sono invece per l’aborto illimitato e senza limiti, perché laggiù non conoscono neppure l’ABC della contraccezione. Vedi infatti se i vari movimenti antinatalisti, ambientalisti e i radicali, parlano di introdurre l’aborto in Africa. No, ed è evidente, perché sono burattini dell’élite liberalprogressista che vuole l’eliminazione della nostra razza.

      1. Ma Werner se sei contro l’aborto per motivi religiosi lo devi essere sempre e comunque, non puoi fare differenze di colore di pelle (non parlo delle MIE convinzioni ovviamente ma delle VOSTRE come cristiani) o ammetterlo… ma solo dopo un certo numero di nati per km quadrato. Anche perché loro non hanno nessuna intenzione di rimanere all’interno dei loro confini! Quindi mi pare che spargere l’orange in dosi massicce là potrebbe risolvere il problema alla radice.

  3. Secondo me non avete capito il senso di bergoglione…….e già. Fa delle domande alle quali non da risposta….!.. e’ giusto uccidere un Feto? Perché non risponde?….la sua risposta e’ ovvia , è giusto uccidere un feto?…bergoglione pur di salvare la madre terra direbbe si!

  4. Al merda gli fotte sega!!!Ma quale papa?Chiamatelo come volete ma non papa!!!
    Non lo é, semmai anticristo!!!
    Puttana l’argentina che ce l’ha mandato!!!
    Segua maradona e si tolga dai coglioni!!!

Lascia un commento