Antifa transgender di religione islamica arrestato durante violenze

Condividi!

Quella che segue è una traduzione automatica dell’articolo originale in inglese:

Sabato scorso un attivista antifa musulmano transgender è stato nuovamente arrestato durante una violenta protesta di estrema sinistra a Phoenix.

VERIFICA LA NOTIZIA

Britney Erica Austin, 35 anni, ex Eric Austin, era tra le 18 persone arrestate nel centro di Phoenix durante una violenta protesta anti-polizia. Austin era coperto dalla testa ai piedi con un abaya nero e un burqa.

I manifestanti hanno tagliato il traffico. La polizia di Phoenix ha detto che il gruppo antisommossa ha lanciato molotov contro gli agenti. Austin era armato con un fucile semiautomatico. La polizia ha dichiarato la raccolta illegale e ha sparato munizioni flashball.

Austin è stato arrestato per ostruzione, disordini e riunione illegale. È stata arrestata almeno una mezza dozzina di volte a causa delle proteste di estrema sinistra in Arizona. Austin ha pubblicato sui social media il suo ultimo arresto.

“Ci sono state diverse persone trans e non conformi di genere che sono state ripetutamente derise, disumanizzate e violentate durante tutto il processo, me compreso”, ha scritto Austin su Facebook. “Sono stato anche oggetto di islamofobia intenzionale e sessista e rappresaglie per aver affermato i miei diritti”.

Austin sostiene di essere stata perquisita da un ufficiale di polizia maschio in presenza di altri uomini, il che, secondo lei, è una violazione delle sue convinzioni islamiche.

Austin, una musulmana convertita che si fa chiamare anche “Sumayyah Dawud”, ha una lunga storia di attivismo di estrema sinistra nell’area di Phoenix. Partecipa spesso a manifestazioni dove può essere vista armata di un fucile semiautomatico e simboli antifa. A luglio, ha fatto appello sui social media affinché le persone partecipassero all’azione a Phoenix organizzata in “solidarietà” con il gruppo anti-fa di Portland, il Fronte di liberazione dei giovani. Diverse città hanno subito violente rivolte nella notte del 25 luglio.

Prima del suo più recente coinvolgimento nelle proteste e nei disordini antifa, si è impegnata in una guerra legale. Nel 2011, ha citato in giudizio il suo datore di lavoro, una società di stampa di assegni e servizi finanziari, per discriminazione sessuale in quanto non era favorevole alla sua transizione e non le permetteva di usare il bagno delle donne. Phoenix for Deluxe ha risolto la causa per $ 115.000.

Poi, nel 2015, ha tentato di citare in giudizio il dipartimento di polizia di Phoenix per un’accusa di discriminazione religiosa quando è stata fotografata senza il suo burqa per una foto di identificazione. In origine era rappresentata dalla sezione locale dell’organizzazione giuridica fondamentalista musulmana, il Council on American and Islamic Relations, o CAIR, ma l’hanno abbandonata dopo aver scoperto che era transgender.

Sempre nel 2015, Austin ha fatto di nuovo notizia dopo essere stata espulsa dalla sezione femminile dell’Islamic Community Center di Tempe per le denunce delle donne musulmane. Secondo quanto riferito, la moschea le avrebbe detto che le sarebbe stato permesso di tornare solo se si fosse vestita e pregato come un uomo se non fosse stata in grado di dimostrare di essere biologicamente una donna.

“L’islamismo dei radicali musulmani e il ‘wokeism’ degli agitatori antifa sono ideologie gemelle nate dalla stessa fonte: il culto dell’estremismo”, ha detto in una mail al Post Millennial la giornalista musulmana Asra Nomani. Nomani ha trascorso oltre un decennio a riferire sul fondamentalismo islamico e sulla sua intersezione con la politica di sinistra. “Dagli attacchi dell’11 settembre, i musulmani radicali si sono impadroniti della politica razziale che l’antifa sfrutta oggi, e gli estremisti di entrambi i gruppi stanno lavorando insieme per portare avanti la loro missione comune di alimentare la divisione e l’odio. Questo ibrido di identità si manifesta in una persona come Britney Austin. ”

L’anno scorso, Austin è stato arrestato per comportamento disordinato durante una riunione del Consiglio comunale di Tempe in cui un manifestante è stato accusato di aggressione aggravata contro un agente di polizia. Il mese scorso, Austin si è presentato armato di AR-15, pistola e coltello da caccia per contrastare una manifestazione conservatrice a favore della polizia a Gilbert, in Arizona.

Austin e gli altri arrestati lo scorso fine settimana avranno la loro prossima nomina in tribunale il 26 ottobre.

Essere antirazzista è una malattia mentale.




Vox

7 pensieri su “Antifa transgender di religione islamica arrestato durante violenze”

  1. Mi è bastato leggere due righe, per capire che transgender e mussulmano non è compatibile. Loro che poi usano non la condanna del comportamento, ma della persona fisica, questo è sufficiente per fare capire che in “Europa, tutto va bene”, pur di distruggere la civiltà.

Lascia un commento