Raid punitivi in Sicilia contro gli africani: “Non dovete stare in Italia” – VIDEO

Condividi!

Ovviamente, come in tutti gli altri casi in cui italiani reagiscono contro la presenza di immigrati sul territorio, è ‘odio razziale’. Mentre se un africano fa a pezzi una ragazzina italiana, no.

Raid punitivi organizzati nei confronti di immigrati nel centro di Marsala.

Pugni, calci e ginocchiate. Ma anche colpi sferrati con sedie in legno, tavolini, bottiglie di vetro e suppellettili varie. E’ così che il branco, “senza alcun timore sulle possibili conseguenze penali ed accecato da una rabbia bestiale, immotivata” come sottolineano gli investigatori, si scagliava “con veemenza e ferocia” contro gli immigrati che gli venivano a tiro. Botte accompagnate da minacce e dall’ordine di allontanarsi da Marsala: “Siete africani di merda.. noi vi ammazziamo. Qui non avete il diritto di stare…”.

“Stand back, stand by”.

La verità è che non puoi pensare di immettere mucchi di maschi stranieri sul territorio a spacciare e creare disagio e poi non avere conseguenze. Non tutti raccolgono firme o fanno filmati.




Vox

6 pensieri su “Raid punitivi in Sicilia contro gli africani: “Non dovete stare in Italia” – VIDEO”

  1. Quello è il futuro dell’Italia, da sempre nelle mani dei meridionali: meridionali e migranti finiranno con l’uccidersi tra di loro.
    Noi nativi del Nord ci limiteremo a non poter fare nulla e a venire accusati di rassismo…

  2. In Sicilia i Vespri sono ancora nella memoria atavica dei Siciliani.
    Il Sud reagirà diversamente dalla passività del Nord all’avanzata della società multietnica.
    I marsalesi lottano affinché Marsala non diventi un’altra Castelvolturno.

Lascia un commento