Strani intrecci: l’armatore olandese di 2 navi Ong ora traghetta clandestini in proprio

Condividi!

C’è chi ha una teoria sui finanziamenti delle ong. Si dice che siano gli stessi armatori a finanziarle per evitare di dovere perdere tempo con questi ‘salvataggi’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ricordiamo che l’armatore di Vos Hestia di Save the Children, è di proprietà dello stesso armatore della nave Vos Thalassa, l’olandese Vroon.

Sì, proprio la nave privata, che in due anni fa è stata protagonista della vicenda del dirottamento da parte di alcune decine di clandestini prelevati in Libia.

Il fatto che l’armatore della Vos Aphrodite sia lo stesso della Vos Thalassa, che poi ha affittato diverse navi alle Ong impegnate nel traffico umanitario, non fa che aumentare i sospetti sulla natura del traffico, visto che Moas e altre ong sono state proprio create da armatori o assicuratori di navi mercantili: gli armatori hanno usato le ong per non perdere tempo con i salvataggi? Gli assicuratori per non perdere denaro in risarcimenti? Le hanno create apposta?

La Vos Thalassia voleva davvero consegnare i clandestini ai libici o dall’inizio si è trattato di un’operazione per forzare la mano al governo italiano? Operazione sfuggita di mano davanti all’intransigenza di Salvini, che poi ha portato al ‘dirottamento’ da parte dei clandestini?

Ricordiamo:

Vos Thalassa: la nave privata che ha il vizio di scaricare clandestini in Italia – VIDEO

Quello della VT era il secondo ‘salvataggio’ nel giro di un mese in Libia da parte di una nave di Vroon. Il precedente venne portato a termine dalla Vos Purpose che consegnò il carico alla nave della ONG tedesca Sea Watch2,

Vroon era l’armatore delle navi usate da Medici Senza Frontiere (Vos Prudence) e da Save The Children (Vos Hestia). Ora non più operative. Continua a trafficare.




Vox

Lascia un commento