Immigrati infetti in fuga dall’hotel a Matera: “Governo ci aveva assicurato che erano negativi”

Condividi!

Continua l’invasione e la fuga degli infetti. Da Sud a Nord è così che si diffonde il contagio, con i migranti infetti da Covid-19 che lasciano la quarantena senza alcun permesso delle autorità. Autorità che non hanno autorità.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’ultimo caso arriva dall’Hotel Old West a Ferrandina, in provincia di Matera, si contano numerosi casi positivi tra i 100 clandestini tunisini arrivati sabato sera dalla Sicilia. Sono almeno 20 i positivi scoperti dopo l’esito dei tamponi. La notizia è confermata all’Agi dal responsabile della task force regionale, Ernesto Esposito. Domani invierà il bollettino quotidiano.

Per il loro trasferimento dalla Sicilia in Basilicata, l’amministrazione comunale di Ferrandina era stata informata che i 100 migranti avevano fatto il test rapido a Lampedusa. Poi era stato effettuato il tampone rino-faringeo, con esito negativo, a Porto Empedocle.

Ormai è un must: Lamorgese spaccia clandestini positivi per negativi e li sparpaglia in tutta Italia. Un piano criminale ormai evidente a tutti tranne che ai magistrati corrodi ideologicamente. Complici, pare chiaro, della diffusione del contagio portata avanti da un governo abusivo di scellerati e untori.

Dopo il presunto esito negativo era stato dato il via libera al trasferimento. Invece i tamponi effettuati ieri hanno dato un risultato diverso: sono affetti da coronavirus. E sono 25 i tunisini fuggiti (ieri erano 14, da oggi è irreperibile un’altra decina).

Gli immigrati si sono resi responsabili anche di azioni di violenza contro le forze dell’ordine durante le fughe andate in scena in tutta Italia. Con militari e poliziotti che, per ordine del governo, non possono usare la forza.




Vox

14 pensieri su “Immigrati infetti in fuga dall’hotel a Matera: “Governo ci aveva assicurato che erano negativi””

  1. Le mie fonti al pronto soccorso mi dicono che oggi ci sono stati dei “triage” sospetti.
    Scommettiamo che a scuola i bimbi non vanno, niente stadio, niente cinema e niente ristorante e luoghi pubblici ma le fabbriche resteranno aperte?
    Ma adesso giuro che compro del fertilizzante azotato e un vecchio forno a microonde.

    1. Dopo aver visto i marinai che ballano al comando di un puttanone ho deciso che la misura è colma e che è necessario organizzare qualcosa di “futile e stupido”. Mi farò la punta al cervello ma sono certo che le proposte del popolo indignato sapranno stupirmi e portarmi sulla giusta strada. Inviate le vostre proposte all’indirizzo che avevo inaugurato in occasione del mio ultimo dissidio ovvero vieniqui2020@gmail.com
      Non voglio “Mariani da Trani”, quindi niente dati personali ma solo idee e poi in un secondo tempo eventualmente troveremo un modo per riconoscerci di persona tipo un garofano rosso all’occhiello.
      Le persone che paghiamo per difenderci ballano mentre siamo invasi. Bisogna cambiare sistema.
      Portare l’attacco al cuore dello stato? (oddio, che cazzzpero ho scritto…)
      Ma se lo fa un popolo e non quattro idioti a pagamento è una rivoluzione.
      Tutto quello che vi è caro è minacciato e a rischio. Non è più nemmeno importante se siano ebrei o meno. (Ma vedi che quando arriviamo sulla nave e troviamo il Kothmeir del caso scopriremo che è fungo prataiolo e non formichiere)
      Sono NEMICI. E come tali vanno trattati. Tutti. Quelli in divisa peggio degli altri.
      E non voglio più sentire scuse di sindacalisti di sbirri o piagnistei di gente in mimentica che dicono “se fosse per me…”. Se fosse per te, brutta faccia di culo, aspetteresti sempre e solo lo stipendio. Fare il soldato significa morire per la patria, non aspettare la pensione incassando ogni mese.

      Sparami se hai il coraggio. Sparami in diretta TV. Fai di me un martire.
      E occhio che se non mi spari ti ******. In diretta TV. E poi ti fotto il fucile e ****** tutti i tuoi colleghi inutili. Sempre in diretta.
      Speriamo che ti diano la baionetta per il servizio di quel giorno. ********************************************************************************************************************************************************

      BASTA! BASTA! BASTA!
      A ****** invasori e traditori. Non necessariamente in questo ordine.

  2. Se è un pericolo per lo spazio hai fatto bene a censurare.
    Se lo fai per tutelare me, ti ringrazio. Ma sono stufo.
    E scusa per tutto il lavoro extra che comporta avere un commentatore grafomane.

    1. Non solo “stufo”. Non possiamo più perdere tempo. Il momento è ora. Se non facciamo qualcosa adesso finiremo come i Francesi, a votare tutti per la Le Pen senza nemmeno sapere perchè, ma non sarà più sufficiente.
      In più, noi abbiamo ancora qualcosa da dire. Urliamolo forte. Vuoi diventare come Saito quello di “Inception”? Solo un vecchio pieno di rimpianti? Hai un campanile: suona la campana.
      Sarò quello col garofano rosso all’occhiello. E mi troverai. Ci troveremo tutti.

        1. Ok, ho installato telegram. Ma io sono anziano dentro, quindi coi telefoni non vado d’accordo. Non riesco a scrivere sul canale. Seriamente esiste una cosa dedicata a “Antani” da oltre sette giorni e io non sono in grado di accedere? Sono commosso. Ho due emulatori android sul PC da vero giocatore, non me la sento di avviare il macchinone ora. Ma entro domani ti comunicherò una frase per cui non potrai non riconoscere il garofano all’occhiello.
          PC, Master Race.
          http://getwallpapers.com/wallpaper/full/7/2/3/36761.jpg

          1. Beh, sai che ti dico? Ha ragione “Mariano”. Mi troverai iscritto al canale come “Maximus Primus”. Comunque non riesco ad inviare messaggi.
            Vent’anni fa il mio vicino di casa crucco/danese andò al cine. La proiezione era “il Gladiatore”. Tornato a casa era felicissimo per il film e per gli accessori. L’accessorio ero io che avevo (ho) un nome a caso. E lui felicissimo diceva ” He is Decimus, you are Primus!!!”.

          2. C’è anche la versione desktop assai agevole. Benvenuto a te stesso, quando la chat sarà più affollata dovrà diventare un backup della mente di Antani, solo per veri anafestici.🤯

      1. E che cosa voglio io? Una spremuta di sangue? Ma no! Voglio che “Fanfa” si trovi un lavoro e sposi “Vizia de Viziis” e la faccia felice, voglio che il “Muto” trovi la parola e una strada e faccia altrettanto felice il mio “Tessssssoro” e voglio che “Vinny” cresca e che sia in grado di sopportare la “Migliore” ma soprattutto che si renda conto che esiste la figa oltre al pallone. Se dovessi volere qualcosa per me, vorrei che Cippa Lippa la smettesse di rompermi i coglioni.
        Chi mi ha messo nelle condizioni di considerare una spremuta di sangue come condizione necessaria e sufficiente per realizzare questi desideri banali? Chi mi ha messo nelle condizioni di pensare che una spremuta di sangue sia buona e benedetta? Io sono solo un campagnolo. Volevo solo essere lasciato in pace. Volevo solo raccogliere le albicocche senza negri in mezzo alle palle.

  3. Sono momentaneamente claudicante ma si tratta solo di un’infiammazione del nervo del ditino medio, a causa di una vecchia frattura. Un po di Lasonil e torno nuova. Quindi sono pronta.
    x mare a caccia di polipi?

Lascia un commento