SIMONE E’ MORTO, ABBANDONATO DA UNO STATO CHE PENSA SOLO AI CLANDESTINI

Condividi!

Così se n’è andato un italiano nell’isola degli sbarchi. Non solo giustizia. Vogliamo vendetta contro la mafia che controlla lo Stato.

Drammatici aggiornamenti su Simone:

Italiano alla fame nell’isola degli sbarchi mentre loro gozzovigliano – VIDEO

E’ morto. Vittima di uno Stato fallito che abbandona i suoi figli e mantiene in hotel i figli degli altri:

https://twitter.com/RadioSavana/status/1290731493896196096

Ogni patriota deve giurare che la lotta contro questo governo di disgraziati non finirà finché non saranno rimossi. Con ogni mezzo.

Perché quando un tuo connazionale muore in questo modo, mentre un esercito di centomila giovani maschi africani vive in hotel da anni, sei un governo di traditori. E devi essere abbattuto. Abbattuto e processato dall’unico tribunale che conta: quello del popolo.

Questi regolarizzano clandestini e pagano navi di lusso per i clandestini. E poi Simone muore così.




Vox

Un pensiero su “SIMONE E’ MORTO, ABBANDONATO DA UNO STATO CHE PENSA SOLO AI CLANDESTINI”

  1. Inginocchiatevi ora troie che vi sfondo il culo a calci!Persino lenin e stalin vi spedirebbero nell’inferno siberiano!!!E blaterano di orrori del nazismo, fanno gli antifascisti!VOI siete il male assoluto!!!

Lascia un commento