Italiano alla fame nell’isola degli sbarchi mentre loro gozzovigliano – VIDEO

Condividi!

Centomila di loro in hotel e i nostri ridotti così. Non è tollerabile. Nell’isola degli sbarchi ci sono italiani ridotti così:

Poi ci parlano di accogliere chi fugge da guerra e fame: andate a fanculo.

Intanto sempre in Sicilia:

E’ qualcosa di profondamente perverso. Manteniamo quasi 100mila immigrati in hotel e lasciamo i nostri compatrioti, malati, in queste condizioni.

Non dobbiamo avere pace fino a che non libereremo l’Italia dal regimo rossonegro.




Vox

7 pensieri su “Italiano alla fame nell’isola degli sbarchi mentre loro gozzovigliano – VIDEO”

  1. CHE VERGOGNA !!!! Ma non per questa famiglia che nonostante tutto và avanti con enorme dignità MI VERGOGNO PER QUESTO POPOLO DI VIGLIACCHI FINTI MORISTI DEL CAZZO !! QUESTO ACCADE QUANDO UN POPOLO E FINITO!! BHè SPERIAMO PRESTO E NEL MODO PIU DOLOROSO POSSIBILE !!! voi avallate questo stato e voi siete complici di questo stato e meritereste bruciati come questo stato!!

  2. Se esistesse un magistrato libero e non ideologicamente corrotto, dovrebbe immediatamente arrestare Giuseppi e tutti i suoi scagnozzi, come colpevoli della morte di questo povero uomo, che se fosse stato nero, avrebbe avuto tutta l’assistenza possibile.

  3. Cristianamente parlando, prego che il s
    Signore prenda con sé Simone e gli dia tutto quello che qui non ha avuto e che la sua famiglia abbia conforto e consolazione. Realisticamente parlando, nessuno si è inginocchiato per lui e sappiamo chi, o per altre persone in situazioni simili. Io di statistiche non me ne intendo o meglio mi perdo lungo i grafici, ma di falsi profughi, c’è ne sono più di 100000 in hotel, molti di più, tra navi e case in Quarantena varie.
    Uno stato civile non fa queste cose, ma in Italia si sta diffondendo il menefreghismo verso i propri compaesani ed il buonismo accoglione verso persone che non ne hanno bisogno e depredano qualsiasi cosa e casa.
    Chi permette questo,, prima o poi ne dovrà rispondere

Lascia un commento