Coronavirus, riparte contagio in 7 regioni ‘grazie’ a immigrati: “Distanziamento sociale”

Condividi!

In diverse Regioni l’indice di contagio ha superato quota 1 a causa di “alcuni focolai di rilevanza più o meno grave per l’importazione di infezioni dall’estero”. Lo ha spiegato Gianni Rezza, direttore per la prevenzione del ministero della Salute, riferendosi ai nuovi dati sull’epidemia di coronavirus in Italia per la settimana dal 29 giugno al 5 luglio. “Serve rafforzare le misure di distanziamento sociale”, ha aggiunto.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ecco. ‘Grazie’ all’avere fatto entrare immigrati e clandestini senza ritegno, ora riecco il ‘distanziamento sociale’.

Il virus va fermato alle frontiere. Invece sono sbarcati 618 clandestini senza nemmeno un controllo. Centinaia i bengalesi.

Nelle ultime ore sono sbarcati 618 clandestini nella sola Lampedusa. Con barconi trainati in porto dai nostri mezzi e altri lasciati arrivare senza alcun intervento, anche se erano stati individuati quando ancora in acque libiche e tunisine.

Lo Stato di Emergenza dà questi poteri al governo abusivo:

Governo sospende proprietà privata fino al 31 luglio: “Ogni bene mobile e immobile potrà essere requisito”

E non parliamo dell’avere lasciato sbarcare da aerei di linea, in due settimane, sessantamila immigrati da zone ad alto impatto di contagio. Solo ieri il blocco, quando ormai, a centinaia, si sono dileguati spargendo il contagio in tutta Italia.

E poi, inutile chiudere gli aeroporti ai bengalesi, quando:

Sbarcano 95 bengalesi e nessuno se ne accorge

Non basta scrivere su Twitter che non va bene. E non basta opporsi in Parlamento, a meno di non convincere quei due o tre senatori grillini sufficienti a mandarli a casa. Questo governo deve essere cacciato dal popolo. La mascherina è un bavaglio.

Ormai il piano è piuttosto chiaro: non permettere che il contagio si fermi, importandolo dall’estero. Così da prorogare all’infinito lo Stato d’Emergenza, che infatti non blocca gli sbarchi e anzi li moltiplica, e governare a botte di DPCM.




4 pensieri su “Coronavirus, riparte contagio in 7 regioni ‘grazie’ a immigrati: “Distanziamento sociale””

  1. Oltretutto, con lo stato di emergenza, si possono rinviare le elezioni regionali sine die: perché la professoressa di 60 anni puo’ fare lezione da casa, al a classe di 25 sedicenni, l’impiegato pubblico può lavorare dalla tazza del cesso di casa sua, ma per votare bisogna andare fisicamente al seggio. E che scherziamo!

  2. che la mascherina sia un bavaglio è risaputo. E’ un feticcio imposto dai barbuti di sinistra. Greta che ha sparso il virus si frega le mani mentre si fa fottere dagli sporchi negri che ama tanto. Se non vi armate entreranno casa per casa. E allora che farete ? disuniti ?

Lascia un commento