Emergenza bengalesi infetti a Roma: la bomba dei 15mila clandestini, pagano 2mila euro per regolarizzarsi con Bellanova

Condividi!

Ricordate la sanatoria Bellanova che, oltre a rifornire i campi di necessari braccianti, avrebbe dovuto risolvere il problema del contagio, perché avrebbe fatto emergere i clandestini infetti? Niente braccianti. E nemmeno ha risolto il problema dei clandestini contagiosi.

Ha però creato un mercato parallelo di finiti badanti bengalesi e marocchini che vogliono farsi regolarizzare: pagano 2mila euro a testa per un finto lavoro.




Un pensiero su “Emergenza bengalesi infetti a Roma: la bomba dei 15mila clandestini, pagano 2mila euro per regolarizzarsi con Bellanova”

  1. Governo di rottinculo.
    Si sta facendo di tutto per ricreare l’emergenza e ripristinare il lockdown, in modo da garantirsi sopravvivenza e provvedimenti anticostituzionali per DPCM.
    E quelli intellettualoni liceali di Salvini e della Meloni che fanno?
    Perseverano nel credere di poter andare a votare al più presto, arroccandosi sul no ad un governo istituzionale che perlomeno manderebbe a casa Casalino, il suo servo e le zecche-zocche boldriniane.
    A proposito di coronavirus, ieri su Leggo un giornalista leccaculo esaltava il lockdown e denigrava la scelta di libertà svedese
    Ordunque, dato che la matematica non è un’opinione, la mortalità (M) per una causa X in un paese y, si
    ottiene prima dividendo il numero dei morti (A) per la popolazione (B), e poi moltiplicando il quoziente ottenuto per cento.
    In sintesi, M (mortalità) = [A (morti) : B (popolazione)] x 100.
    Tanto premesso, che uno scrivano italico parli di scandalo svedese per i dati di mortalità da virus truffa, è intellettualmente disonesto e risibilmente lamestream.
    Il tasso di mortalità per il covid-19 del paese scandinavo, che è lo 0,052 [ (5420 : 10.230.000) x 100], è infatti comunque inferiore a quello dei due paesi liberticidi che hanno in Europa attuato il lockdown più “feroce” facendo una strage socioeconomica, ovvero l’Italia, tasso di mortalità 0,057 [(34.899 : 60.360.000) x 100] e la Spagna, tasso di mortalità 0,060 [(28.392 : 46.940.000) x 100].
    Se pensiamo poi a quanto si rimprovera a Tump e Bolsonaro, siamo alla farsa ad uso e consumo dei mono-neuronali.
    Nonostante tutti i vomitevoli attacchi del pensiero unico frocio-plutocratico per la gestione del covid-19, gli Stati Uniti hanno ad oggi una mortalità dello 0,040 [(133.000 : 328.200.000) x 100] ed il Brasile una mortalità dello 0,031 [(66.868 : 210.983.000) x 100].
    Errare humanum est, perseverare autem bergoglicum.

Lascia un commento