Anziano massacrato e accoltellato da immigrato perché non ha accendino

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Italiani in casa, e quei pochi che si avventurano per le strade, se passano la sorveglianza dei droni, finiscono preda degli immigrati. Che hanno il permesso di delinquere.

Un anziano è stato selvaggiamente picchiato e poi accoltellato da un romenoalla fermata dell’autobus in piazza Sempione, a Roma.

La sua colpa? Non avere un accendino da dare all’immigrato.

Quando l’anziano ha risposto che non era in possesso dell’oggetto, lo straniero ha perso la testa ed è diventato una furia.

Prima un pugno in faccia. La vittima è crollata a terra. Poi l’aggressore ha percosso l’anziano con calci e schiaffi. Infine ha estratto un coltello e ha sferrato un fendente all’altezza del petto del pensionato.

Il romeno, risultato in seguito essere un 36enne già noto alle forze dell’ordine per numerosi reati contro la persona e il patrimonio, è stato bloccato dai poliziotti in borghese del commissariato Esquilino che si trovavano in zona in un servizio di prevenzione e repressione dei reati. Ovvero perseguitare i poveri pensionati a passeggio.

Appena si sono accorti di quanto stava accadendo, gli agenti sono subito entrati in azione riuscendo a bloccare il giovane e a disarmarlo, ponendo così fine alla violenza. Nel corso degli accertamenti di rito è emerso che lo straniero era stato colpito anche dal divieto di dimora nel comune di Roma. E così, l’immigrato è stato dichiarato in stato di arresto e portato nel carcere romano di Regina Coeli. L’accusa a cui dovrà rispondere davanti al giudice è tentato omicidio.

Le coltellate non gli sono state fatali solo perché il tessuto pesante della giacca gli ha fatto da barriera contro le coltellate. L’intervento degli agenti e il conseguente fermo del romeno hanno permesso al pensionato di salvarsi. Il coltello usato nell’aggressione, con una lama di 7 cm, è stato posto sotto sequestrato dalla polizia.




2 pensieri su “Anziano massacrato e accoltellato da immigrato perché non ha accendino”

  1. Una recensione per JoshuaG che non ha riconosciuto la canzone (o forse sì, non lo sappiamo; ma non importa) – Green Street Hooligans, (UK/USA 2005) di Lexi Alexander, con “Frodo” e “Jax Teller”.
    L’apprendista giornalista Frodo viene espulso dall’università per questioni che non indagheremo in questa sede. Avendo tempo da perdere va a trovare la sorella a Londra e questa gli presenta Jax Teller, il suo co-cognato, che è un gran bravo ragazzo che cede il posto alle signore sul metrò. Il bravo ragazzo va spesso allo stadio a vedere il West Ham e Frodo ingenuamente lo segue.
    Spesso menano gli ebrei del Tottenham (fucking yids…).
    A me è piaciuto.
    Curiosità: un po’ come il Toro per i veri Torinesi il West ham è una delle squadre da vero Londinese. Ci piace ricordare Bobby Moore come il giocatore forse più rappresentativo della storia della squadra. E Paolo Di Canio come il più interessante per noi per dare una indicazione del tipo di tifoseria.

    United!

Lascia un commento