Comandante Alfa: “Conte faccia meno dirette facebook e più visite in ospedale”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il Comandante Alfa ripone l’invito alla ribellione. Uno dei carabinieri più decorati d’Italia, fondatore dell’unità d’élite del Gis, aveva definito Conte, pochi giorni fa, “premier non eletto”, in un posto su facebook che aveva entusiasmato quanti sono stufi di un governo abusivo che non rispetta la democrazia.

Alcuni avevano fantasticato di una sorta di ‘contro-golpe’ contro l’élite globalista abusivamente al governo. Altri, come il ministro della Difesa Guerini, lo avevano temuto.

Ora, il comandante, abbassa il profilo delle proprie parole. Non una marcia indietro, ma comunque un poco esaltante rientro nei ranghi.

“Quello che ho scritto l’ho scritto con il cuore e come uomo di Stato”, ha spiegato in un’intervista al Giornale, “ho giurato 47 anni fa fedeltà alla Repubblica italiana, e non sono venuto meno a quel giuramento nemmeno per un istante”.

Ma certo, caro Comandante, scripta manent:

“decreti che non servono a nulla” in un “Paese in guerra”, passando per “l’inaccettabile Parlamento chiuso che non rappresenta il popolo”, alla richiesta di “schierare l’esercito e istituire il coprifuoco“, agli attacchi contro “gli ex del Grande Fratello che ci rappresentano” fino “al premier non eletto che si presenta con la bandiera europea e non con il tricolore“.

Ha tirato fuori le palle. Non le riponga per un mal riposto senso di fedeltà ad uno Stato che non rappresenta, se mai l’ha rappresentato, il popolo.

E’ vero che un militare giura fedeltà. Ma quando la bandiera cade preda di una cricca di abusivi, quel giuramento non ha più valore. Perché ciò a cui si è giurato ha cambiato la propria natura.

Alfa comunque non recede totalmente da quello che ha definito uno sfogo. E da “il premier non eletto” non degno di cantare l’Inno di Mameli, passa a “il premier Conte farebbe meglio a fare meno dirette Facebook e più visite negli ospedali, con le dovute protezioni ovviamente, per dare una parola di conforto a medici e infermieri”.

Comndante, l’onore vale più di un giuramento ad un manipolo di arrivisti che non rappresenta che se stessi.




Vox

3 pensieri su “Comandante Alfa: “Conte faccia meno dirette facebook e più visite in ospedale””

  1. Come in tutti i veri militari anche per il Comandante Alfa prevalgono i principi e l ‘onore, purtroppo la repubblica e lo stato italiani sono occupati da una feccia paramafiosa e paracula, intenta solo a curar ei propri interessi insieme a quelli della CEE una comunità economica ( fatta da banchieri, finanzieri e burocrati con culi larghi, pance capienti e cuore nel buco del c…) e anti popolare oltre che anti nazionale. Mad nessuno pretende nulla da Lei comandante, anche perche’ dovrebbe avere un grande seguito organizzato per cambiare qualche cosa. Lei è fondamentalmente troppo buono, la baionetta oggi si deve usare prima su quei politici perche’ nemici all estero o all esterno non ce ne sono molti, invece siamo pieni di piattole, lestofanti e mestatori, il taglio va fatto all’interno….. oggi purtroppo solo un sogno

  2. Questi interventi del Comandasnte Alfa sono molto significativi.
    Il presidente Mattarella, notoriamente sordo agli appelli delle opposizioni, farebbe bene a tenere conto del disappunto verso Giuseppi da parte di figure autorevoli dell’Arma.
    Ha permesso a Conte di calpestare impunemente la Costituzione col pretesto del coglionavirus. Speriamo che si renda conto delle tensioni istituzionali sempre più forti.

Lascia un commento