Cina prepara nuova epidemia di Hantavirus: dai topi all’uomo, aveva ragione Zaia

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ricordiamo che la Peste Nera, arrivata in Europa dalla Cina come tutte le grandi epidemie, arrivò proprio con i topi importati su navi commerciali ‘cinesi’.

La Cina è pronta ad esportare una nuova epidemia in Occidente: l’ Hantavirus.

Un uomo della provincia cinese dello Yunnan è risultato positivo al nuovo virus ed è morto poche ore dopo.
Stava tornando nella provincia di Shandong per lavorare su un autobus noleggiato quando è morto. Altre 32 persone sono state testate per lo stesso e sono in attesa dei risultati dei test.

L’hantavirus è diffuso dai roditori. Può diffondersi negli umani che entrano in contatto con loro. “L’infestazione di roditori – si legge – dentro e intorno alla casa rimane il rischio principale per l’esposizione all’hantavirus. Anche soggetti sani sono a rischio di infezione da Hps se esposti al virus”.

Una persona può infettarsi se ha toccato gli occhi, il naso o la bocca dopo aver toccato escrementi di roditori, urina o materiali di nidificazione. I sintomi dell’hantavirus sono simili a quelli del coronavirus che include, tra gli altri, febbre, mal di testa, dolore addominale.

Insomma, aveva ragione Zaia.




2 pensieri su “Cina prepara nuova epidemia di Hantavirus: dai topi all’uomo, aveva ragione Zaia”

  1. Piglieremo anche quella. D’altronde siamo dei furbacchioni: ci stiamo facendo arrivare delle mascherine (peraltro inutili a proteggere dal contagio) proprio dalla Cina… siamo noi a cercarcela.
    Se il coglionavirus poteva insegnarci qualcosa era proprio di tenerci alla larga dalla Cina e da ciò che esporta.

Lascia un commento