Trenta non lascia alloggio dei contribuenti: “L’ho fatto assegnare a mio marito”

Condividi!

Al governo con Giuseppe Conte era stata portata dai Cinque Stelle. Ma adesso Luigi Di Maio è già corso a scaricarla: “Tengo a sottolineare che il M5s non ne sapeva niente”. Anche lui, come tutti i partiti che siedono in parlamento, vuole un chiarimento “il prima possibile”. “Vedremo cosa ha da dire – ha detto il capo politico grillino – ovviamente lei non è più nostro ministro”.

E la grillina Trenta risponde alle polemiche sollevate dopo l’articolo di stampa che l’accusa di vivere in un alloggio pagato dai contribuenti:

La grillina Trenta vive in una casa pagata dai contribuenti

Nella sua risposta conferma che non mollerà l’appartamento, l’ha semplicemente fatto assegnare al marito:

"Gentilissima dottoressa Sarzanini, con meraviglia ho letto l’articolo di questa mattina. Ciò che non mi spiego è…

Posted by Elisabetta Trenta on Sunday, November 17, 2019

In commissione Difesa i parlamentari di Fratelli d’Italia Salvatore Deidda, Wanda Ferro e Davide Galantino si stanno già occupando da tempo delle assegnazioni degli alloggi per i militari. Un problema serio su cui sono già state presentate interrogazioni e risoluzioni. “La vicenda (della Trenta, ndr) è ancor più grave se si pensa alle odiose campagne del Movimento 5 Stelle contro i presunti privilegi. Privilegi che, a quanto pare, sono invece ‘di casà per gli stessi grillini”, hanno chiosato i tre.

La cosa bizzarra, è che il presidente dei senatori piddì, Andrea Marcucci, ha preannunciato una interrogazione urgente del gruppo. “Se le indiscrezioni risultassero vere, saremmo di fronte ad un comportamento molto grave, anche perché coinvolgerebbe una esponente di primissimo livello del Movimento 5 Stelle”. Chi è senza peccato:

I contribuenti italiani finanziano la società del capogruppo PD: M5s complice




Lascia un commento