La grillina Trenta vive in una casa pagata dai contribuenti

Condividi!

L’ex titolare della Difesa, la grillina Trenta, vive nell’appartamento nel centro di Roma che aveva ottenuto come “alloggio di servizio”:

Dopo il test fallito per entrare nei servizi segreti, Elisabetta Trenta viene travolta da un nuovo scandalo. Secondo il Corriere della Sera, l’ex ministra della Difesa d’area M5s avrebbe ottenuto una casa di servizio “in uno dei luoghi più suggestivi del centro di Roma” occupata anche ora che non è più nella squadra di governo e non ha più alcun ruolo pubblico. “Ci è riuscita – spiega Fiorenza Sarzanini – facendolo assegnare al marito, il maggiore dell’Esercito Claudio Passarelli”. Un classico caso di privilegio “di Casta” che imbarazza il Dicastero, prosegue il Corsera, ma soprattutto i grillini.

Ha ottenuto l’alloggio «di servizio» poco dopo essere stata nominata ministra della Difesa. Ma in quell’appartamento in uno dei luoghi più suggestivi del centro di Roma, Elisabetta Trenta ha deciso di rimanerci anche adesso che non ha più alcun ruolo pubblico. E ci è riuscita facendolo assegnare al marito, il maggiore dell’Esercito Claudio Passarelli. Una vicenda che imbarazza il dicastero ma soprattutto il Movimento 5 Stelle che l’aveva indicata per l’esecutivo come «esperta di questioni militari» e da sempre è schierato — almeno a parole — contro i privilegi. Anche perché la concessione potrebbe essere avvenuta aggirando i regolamenti, visto che la coppia ha una casa di proprietà nella capitale e dunque non sembra avere necessità di usufruire dell’alloggio. In ogni caso il «livello 1» di dimora attribuito al momento di scegliere la casa per la ministra, è molto superiore a quello previsto per l’incarico e il grado del suo consorte. E dunque non è escluso che la magistratura contabile sia chiamata a valutare eventuali danni erariali e quella ordinaria debba verificare la regolarità della procedura di assegnazione. Senza contare che potrebbe essere il Movimento, primo fra tutti il capo politico Luigi Di Maio, a chiedere conto all’ex ministra di quanto accaduto.




Un pensiero su “La grillina Trenta vive in una casa pagata dai contribuenti”

  1. In Italia esistono sempre due categorie, quelle di serie ‘A’ e serie ‘B’. Io in 35 anni di servizio effettivo in Polizia ho sempre pagato la famosa “gescal”, una trattenuta sullo stipendio per le abitazioni da destinare ai dipendenti statali, trattenuta fatta tuttora sulla pensione sotto altra forma e dicitura, e non ho mai avuto l’onore di abitare in una di queste case. Il sig. Maggiore dell’esercito italiano, nonché marito della ex ministra Trenta, non so quanti anni abbia di servizio, credo parecchi meno di me, e già gli viene assegnato un alloggio di servizio. I casi sono due: o io nella vita sono troppo sfortunato o il signore in questione e parecchio raccomandato. Per potermi fare una casa ho dovuto accedere ad un mutuo con una banca e pagarmelo in tre lustri senza l’aiuto né dello Stato né di nessuno, privandomi e privando la mia famiglia di tantissime cose essendo il solo in casa a lavorare, al contrario del sig. Maggiore, con doppio stipendio in famiglia, e che stipendi….

Lascia un commento