Assalto alla frontiera: un centinaio di islamici penetra confine italiano

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Questa mattina gli agenti della Polizia di Frontiera hanno rintracciato nella zona di San Dorligo della Valle (Trieste), sull’altopiano del Carso, 53 clandestini. Gli stranieri, tutti giovani maschi musulmani di nazionalità pachistana e afghana sono stati portati negli uffici di Fernetti e in Questura per le operazioni di foto segnalamento. Altre decine di richiedenti asilo sulle spalle degli italiani.

Solo ieri:

Decine di clandestini islamici scaricati a Udine: migliaia in marcia verso l’Italia

E sono migliaia i clandestini islamici che stanno marciando verso l’Italia lungo la via dei Balcani, quella che in questi anni ha portato in Europa milioni di immigrati.

L’allarme: “Senza decreto Salvini sarà invasione: 25mila islamici in marcia”

Con la chiusura della frontiera ungherese dopo il grande muro di Orban, ora la nuova rotta scorre più a ovest, pericolosamente più a ovest, con la Bosnia-Erzegovina come crocevia. E poi la Croazia. La Slovenia.

E dopo aver attraversato la Croazia e la Slovenia, Trieste è a un passo. Trieste è dove vogliono passare per dilagare nella pianura padana, come gli Unni di Attila:

Islamici in marcia: “Vogliamo andare in Italia” – VIDEO

In particolare, è la Bosnia-Erzegovina che si trova ad affrontare una situazione di vera emergenza.

Le stime sulle attuali presenze, che includono solo chi è stato registrato, stimano un piccolo esercito di oltre diecimila clandestini che premono verso la Croazia. E poi Trieste.

Anche perché non ci sono controlli:

Militare sloveno ammette: “Lasciamo andare i clandestini in Italia”

E statene certi, quando sapranno che non c’è più Salvini, si riverseranno come cavallette verso l’Italia del Pd. Che è già pronto a riaprire la mangiatoia.

Serve il muro. Non possiamo fidarci degli sloveni. Ma, soprattutto, non possiamo fidarci di un governo Pd-M5s.




Lascia un commento