Facebook banna anche chi solidarizza con Casapound – VIDEO

Condividi!

Questo è già stato sperimentato negli Usa con Alex Jones e InfoWars. La sovranità appartiene all’algoritmo.

O chi ne riporta eventi:

L'assessore regionale attacca: «Assurdo, presenterò un esposto alla Procura della Repubblica»

Posted by Vvox on Tuesday, September 10, 2019




9 pensieri su “Facebook banna anche chi solidarizza con Casapound – VIDEO”

  1. Parlano del pd ma dal momento che questi sono solo servi della ue contano pochino. Zuckerberg se la fa con i potenti, mica con gli italiani coglioni.
    Mi spiace perché gli hanno proprio segato le gambe! Non si possono più votare, su fb il bavaglio, una mignotta si è accanita sulla struttura…li hanno portati alla stregua di un circolo arci dove vedi anziani che giocano a carte bevendo vino inveiscono contro il governo ladro.

  2. Ho letto tutto l’articolo, ha un bel dire Meluzzi torniamo ai volantini ma la cosa è vergognosa perché non ci torniamo tutti, solo noi, loro stanno in rete. Ammettiamo che noi, insomma il centro destra, ci rifiutiamo di sottostare a parlare del tempo, perché solo di quello si potrà disquisire, e non si partecipi più alla vita sociale della rete. Passeranno presto ad oscurare le notizie e chiuderanno anche Vox, ok andiamo a passeggiare, a pesca. Forse ci guadagnamo in salute vivendo come negli anni 70′ quando internet non c’era. Temo che lo scopo sia di non farci coalizzare, se decidessimo tutti di non pagare più le tasse, che è una cosa mooolto sensata perché è l’unico modo per ostacolarli, ebbene dicevo non potremo metterci d’accordo senza social. Gli italiani sono già divisi come popolo, non ci aiutiamo come i sudamericani, vogliono separarci ancor più. Ora uno può spifferare quello che gli accade ma senza internet e con i giornali pilotati sarà come essere ciechi sordi e muti.

  3. Nel mio mezzo secolo di vita (togli/metti, metti/togli…) ho visto molte scritte sui muri: “Libertà ai camerati in galera” è la più antica (potenza dell’anilina), insieme a “Merda di cane” e “Zeus ti vede”. Ovviamente non conto quelle tipo “E’ l’aratro che traccia il solco…” eccetera.
    Il messaggio è la cosa più importante.
    E ricordatevi che “i popoli che si sono inurbati…” eccetera eccetera.
    Io nella mia vita ho sempre fatto il “commerciale”. Mi hanno insegnato che vendere è come girare un film: è vero solo ciò che è inquadrato; se è fuori quadro non esiste, come se fosse il microfono a giraffa.
    “Horrido Delomelanicon” o “Le Serpent Rouge”… Libro spaventoso: solo se ci credi. Ma se tante persone con un “intelletto” di un certo tipo ci provano probabilmente c’è qualcosa che ci sfugge o che non ci insegnano.
    Terzo di quindici fulmini.

    1. Scusate ma sono stato ad una festa di compleanno di un Signore con la S che ne faceva 77 (persino su 8chan gli avrebbero fatto gli auguri) e quindi sono particolarmente “aggressivo”.
      Un saluto a Marte Untore, che con la sola impsizione delle mani… potrebbe ungerci la mimetica e la stupida. Vi segnalo Raul Cremona, cabarettista e prestigiatore. Molto simpatico e brillante. Ebreo. Perchè sim omen verament.

    1. Non pensavo che gli apici casuali fossero così dannosi. Maledetti apici semiti. (guardate che nel 75% delle occasioni io sto principalmente “esagerando/scherzando” mi prendete troppo sul serio ed è la terza volta che lo scrivbo in meno di un mese: bene per Vox che ha tanti nuovi clienti, meno bene per noi – guardate che se leggiamo questo siamo più o meno d’accordo, non è mia intenzione attaccare nessuno personalmente nè propagandare il mio ego. Io non voglio e “non posso” cambiare idea, esattamente come voi – quindi ogni cosa che scrivo è per il pubblico – ovvero quelli che hanno qualcosa da dire ma non lo hanno ancora detto. “Attivare” il dibattito è l’obiettivo che io mi pongo: ho senz’altro idee complicate ma sono disposto a parlarne e ad esaminare i particolari. Siate “POSITIVI”! Dobbiamo andare avanti, dobbiamo andare oltre. Possiamo cambiare le cose, senza fare quello che vogliono “loro”. Soprattutto, siamo in grado di spiazzarli, il patrimonio genetico che discute su questo sito è estremamente nobile in ogni sua sfaccettatura: sono certo che possiamo trovare idee diverse e spiazzanti per i nostri “nemici”.
      Mi piacerebbe concludere questo inutile pippone con un auspicio: i nostri talenti e le nostre passioni sono tali e tante… Guardatevi, riconoscetevi, aiutatemi a costruire questa merda di acquedotto.
      Perchè potete pensare quello che vi pare, ma io qualche giro l’ho fatto e l’acquedotto come noi non lo fa nessuno.
      E potete persino stare a casa malati un giorno sì e uno no.
      Un “antico romano” lavorava ventisei (26) ore la settimana per mantenere la famiglia.
      Un uomo “primitivo” circa venti.
      Si stava meglio quando si stava peggio?
      No, no. Niente decrescita felice: l’Uomo sarà su Marte quando io baratterò una gallina: è la nostra natura.
      Oppure volete che tutto finisca e che se va bene siano seicento anni di medioevo islamico o peggio, diecimila anni di foresta del Congo?

Lascia un commento