Casarini torna a pesca di clandestini da portare in Italia: punta sui ‘compagni’ del PD

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
La Mare Jonio, l’imbarcazione dell’organizzazione di trafficanti umanitari Mediterranea, torna in mare per la quarta missione del 2019:

L’ong della sinistra torna in Libia a pesca di clienti per le Coop: li manda il PD

Lo annuncia la stessa ong in un comunicato su Twitter spiegando di aver lasciato ieri sera al tramonto il porto di Licata “per tornare nel Mediterraneo centrale a monitorare e denunciare le violazioni dei diritti umani e, laddove ci siano persone in pericolo, a salvare vite”. “La nostra nave – si legge nel comunicato – è stata sotto sequestro probatorio per più di due mesi dopo avere salvato 30 donne, uomini e bambini a maggio. Restituita al suo equipaggio di mare e di terra, è tornata adesso dove bisogna essere”.

Con Mediterranea c’è anche l’ong Lifeline, che supporta la missione con una barca a vela: navi civetta che indicano la via ai barconi degli scafisti. Insieme con il coordinatore Luca Casarini, secondo la questura di Palermo in contatto con la criminalità organizzata, ci sono 22 membri dell’equipaggio distribuiti tra Mare Jonio e la barca civetta.




2 pensieri su “Casarini torna a pesca di clandestini da portare in Italia: punta sui ‘compagni’ del PD”

  1. Questa è la politica dei sinistroidi e degli anti italiani.
    Grazie a Patronaggio ci saranno altre invasioni di immigrati parassiti e nullafacenti a spasso per il suolo italico a pretendere e a combinare guai.

Lascia un commento