Donna aggredita da branco di gay in Sardegna perché: “Fotografarci è omofobia”

Condividi!

“Mi stavo solo facendo un selfie. È tutto un equivoco e loro mi hanno aggredito”. Ci sarebbe dunque un equivoco dietro la denuncia pubblica di un gruppo di giovani che, in gita in barca lungo la costa di Baunei, ha accusato una ragazza di averli ripresi e fotografati col cellulare perché “gay ed eccentrici”, almeno stando alla replica di una protagonista della vicenda.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ero seduta nella panchina e stavo per scendere a Cala Sisine”, racconta Tiziana, 30 anni, “e mi stavo scattando un selfie, ma non ho visto chi c’era dietro e loro sono finiti nel mio scatto. Loro hanno equivocato e frainteso e mi hanno aggredito tentando di strapparmi il cellulare dalle mani. Sono stati momenti di paura, mi son agitata e spaventata. Io non sono omofoba”.

“Un ragazzo si è alzato e l’ha aggredita verbalmente”, racconta Luciano Batteta, che era in barca con lei, “ma Tiziana si è giustificata perché lei si stava scattando un selfie e loro sono finiti in secondo piano nello scatto. Lui le ha detto: “Mi stai fotografando perché son frocio” e allora sono intervenuto per aiutare Tiziana, che è oltretutto è in cura per qualche problema di salute. Loro sono stati molto aggressivi, ma se si sono sentiti offesi noi chiediamo scusa, ma da parte nostra nessun gesto omofobo. Io stesso ho parecchi amici omosessuali e transessuali coi quali vado d’accordissimo”.

Esibizionisti e con manie di persecuzione.




3 pensieri su “Donna aggredita da branco di gay in Sardegna perché: “Fotografarci è omofobia””

  1. Per quanto sicuramente i froci abbiano palesemente torto in tanti frangenti, in questo caso non essendo chiaro lo svolgimento dei fatti tenderei a sospendere il giudizio. La gente dovrebbe imparare a farsi gli affari propri e a non fare fotografie. Chiunque avesse fatto questo discorsetto a Londra con i punk quelli veri alla fine degli anni ’70 conoscerebbe sia la risposta giusta sia l’articolo del codice che proteggeva l’immagine dei punk dagli stronzi con la macchina fotografica.

  2. La peggior offesa l’ha fatta a se stesso e agli altri che stavano con lui. La definizione “frocio” non è educata e qua è addirittura riflessiva. Al cattivo gusto non c’è mai fine.

  3. A proposito di cattivo gusto…al funerale di Nadia Toffa una donna rivolta ad una Iena presente gli ha detto “ci facciamo un selfie?”
    Certo! La bara sullo sfondo mi raccomando!

Lascia un commento