Il partito di Soros vuole il carcere per chi critica la toga pro-Sea Watch

Condividi!

Presentato dal partito di Soros, + Europa, il solito emendamento liberticida al “decreto sicurezza bis”, avanzata dal deputato scafista Riccardo Magi. Che non a caso era a bordo della Sea Watch durante lo speronamento.

VERIFICA LA NOTIZIA

In seguito alla scarcerazione della capitana, la gip Alessandra Vella è stata sommersa di insulti.

Ecco dunque arrivare la proposta di Magi, finalizzata a punire chiunque rivolga intimidazioni nei confronti di un giudice. La pena prevista andrebbe da uno a sette anni di reclusione.

Il deputato di + Soros ha allegato all’emendamento alcune dichiarazioni di Matteo Salvini in merito al caso “Sea Watch3” ed a quelli di Carola Rackete e del giudice Vella. “Chiunque usa violenza o minaccia ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario, ai singoli componenti o ad una rappresentanza di esso, o ad una qualsiasi pubblica autorità costituita in collegio o ai suoi singoli componenti, per impedirne, in tutto o in parte, anche temporaneamente, o per turbarne comunque l’attività, è punito con la reclusione da uno a sette anni”. Ricorda l’emendamento, a cui poi segue:“Alla stessa pena soggiace chi commette il fatto per ottenere, ostacolare o impedire il rilascio o l’adozione di un qualsiasi provvedimento, anche legislativo, ovvero a causa dell’avvenuto rilascio o adozione dello stesso”.

E’ tipico dei regimi punire le idee e non punire i reati. Noi, invece, vogliamo la galera per i deputati che salgono sulle navi straniere e speronano le nostre motovedette. Intanto, a voi, va tutto il nostro disprezzo.




Un pensiero su “Il partito di Soros vuole il carcere per chi critica la toga pro-Sea Watch”

  1. Alle volte mi chiedo se il nazista sono veramente io visto che per quanto mi riguarda possono andare tutti al muro ma devono tutti avere la possibilità di dire la loro cagata. In cui peraltro io includo anche il mio “tutti al muro” in quanto mia opinione personale.

    Bah, non ci sono più i nazisti di una volta…

Lascia un commento