Sea Watch ammette di avere sottratto i 52 clandestini ai libici

Condividi!

La Sea Watch, dopo essere stata colta con le mani nella marmellata nera, di avere sottratto i 52 clandestini prelevati oggi alla Guardia Costiera libica. Ammettendo, tra l’altro, che gli immigrati non erano in imminente pericolo di naufragio:

Tradotto dal linguaggio delle Ong: la Guardia Costiera libica aveva il coordinamento del ‘soccorso’, ma poco prima che arrivassero ci siamo precipitati per prenderci il prezioso carico. E poi ci siamo rifiutati di consegnarlo a chi di dovere.

Ora chiedono un porto. E’ bizzarro che paesi sovrani si facciano prendere per il culo da questi quattro trafficanti umanitari improvvisati. L’Italia, grazie al procuratore Patronaggio, che ogni volta finge il sequestro per poi dissequestrare la nave pochi giorni dopo: non meriterebbe, questo, una bella inchiesta? Sul perché Patronaggio dissequestri una nave, nonostante indaghi sulla stessa, col pericolo (la certezza, visti i precedenti) che reiteri il reato?




Lascia un commento