La Chiesa difende il business: “Votate per l’accoglienza”, e i 35 euro

Condividi!

A pochi giorni dal voto, dal Vaticano arriva l’esortazione ad andare a votare alle Europee. Non per Salvini.

La Conferenza episcopale italiana ha dato una chiara indicazione di voto ai cattolici: di partecipare in massa alle elezioni per fermare Salvini. La loro irrilevanza li sorprenderà.

“Gli italiani, i cattolici in particolare, vadano a votare domenica alle Europee”. Questo l’appello del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nella prolusione che apre la seconda giornata di lavori dell’assemblea generale della Cei aperta ieri dall’intervento di Bergoglio nell’Aula del Sinodo in Vaticano, a rimarcare l’importanza della sfida. “Va valorizzata l’opportunità che ci è offerta dalle elezioni di domenica prossima – avverte Bassetti – Chiediamo a tutti di superare riserve e sfiducia e di partecipare al voto. Siamo consapevoli che questo rimane solo il primo passo, ma è un passo che non ci è dato di disertare”, è il suo monito.

Per il presidente della Cei, “è vero che oggi l’Europa è sentita come distante e autoreferenziale, fino al punto da far parlare di una ‘decomposizione della famiglia comunitaria’, su cui soffiano populismi e sovranismi. Lasciatemi, però, dire forse un po’ provocatoriamente che il problema non è innanzitutto l’Europa, bensì l’Italia, nella nostra fatica a vivere la nazione come comunità politica”. Si chiede il cardinale Bassetti: “Oggi, noi italiani, cosa abbiamo ancora da offrire? Penso alle nostre virtù, prima fra tutte l’accoglienza“. E ribadisce: “Come italiani dovremmo essere il volto migliore dell’Europa per dare più fierezza ai nostri giovani, ai nostri emigrati e a quanti sbarcano sulle nostre coste, perché siamo il loro primo approdo“.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Attenzione – avverte poi il porporato, riferendosi chiaramente al rosario ostentato in piazza Duomo a Milano da Salvini, che ha chiuso il suo comizio con l’invocazione della Madonna – Non si vive di ricordi, di richiami a tradizioni e simboli religiosi o di forme di comportamento esteriori!“.

Non l’hanno detto ma l’hanno detto: votate per chi ci porta più ‘negri’. Perché questo è il motivo di fondo della loro rabbia contro Salvini:

Decreto Salvini fa perdere alla Chiesa 1 miliardo: ecco perché sono contrari

Questa non è la Chiesa di Cristo, è la Chiesa di Giuda. E si è venduta, per qualche giovanotto e 35 euro.

Fortunatamente, c’è una Chiesa profonda che resiste. Non basterà l’inverno bergogliano a gelare le radici cristiane dell’Italia.




Lascia un commento