Ramy festeggia la cittadinanza con la bandiera egiziana

Condividi!

Proprio quando si era finalmente svelato il trucco e la strumentalizzazione, con la confessione del padre pregiudicato:

Padre Ramy confessa: “Giornalisti hanno voluto parlassi di Ius soli” – VIDEO

Proprio quando il presunto eroe Ramy stava mostrando la propria vera natura, arrogante al limite dell’offesa nei confronti dei compagni di sventura:

Ramy: tutto merito mio, se morivamo colpa di Salvini

Salvini cede e dà la cittadinanza all’egiziano. Perché tale – e giustamente si considera Ramy -, lo testimonia la bandiera egiziana orgogliosamente mostrata in pubblico:

La cittadinanza italiana è solo strumento per rimanere in Italia. Non certo un fatto di cuore, ma di interesse. Ora passerà anche al genitore con precedenti (potrebbe essere anche uno stupratore di bambini, per quanto ne sappiamo, anche se è più probabile un reato di droga) e a tutti i parenti.

Insomma, dalla tentata strage di un senegalese con cittadinanza italiana, invece di un cittadino in meno – il dirottatore – ci becchiamo uno o diversi cittadini in più. Numericamente non è ovviamente un problema, lo è simbolicamente, però: e si sa, i simboli contano. Molto.

Il perché Salvini lo abbia deciso dopo averlo negato solo poche ore prima, e proprio quando la sua posizione sul tema si faceva sempre più forte, non lo sappiamo. Non avrà voluto fare uno sgarro al povero Di Maio sempre più in difficoltà con l’ala buonista dei suoi, sarebbe l’unico motivo accettabile. Una cittadinanza val bene i porti chiusi e centinaia di migliaia di cittadinanze in meno.

Questo detto, se non torniamo allo ius sanguinis, tra dieci anni saremo circondati di Ramy. Che non sono eroi. Sono stranieri che vogliono comandare a casa nostra.




2 pensieri su “Ramy festeggia la cittadinanza con la bandiera egiziana”

Lascia un commento