Profughi confezionano droga in case pagate dai cittadini: arresti

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Una rete di spaccio di droga – marijuana ed eroina – è stata scoperta a Potenza dalla Polizia: ed era tutto in mano ai profughi.

In tre sono stati al momento arrestati e per un altro (tutti provenienti da nazioni sub-sahariane) è stato disposto il divieto di dimora nel capoluogo lucano.

Durante le indagini sono stati anche individuati alcuni appartamenti adibiti a strutture d’accoglienza profughi (Cas) e utilizzati per confezionare e nascondere la droga.

Questi confezionano la droga nelle case che noi li paghiamo. Poi ci sono sindache e altri piddini che protestano perché il decreto Salvini caccia i finti profughi. Il problema, semmai, è che non è retroattivo e dobbiamo aspettare mesi per levarli dalle case, non il contrario!

Non solo. Ci sono dementi che li vogliono prendere in aereo da Malta.




Lascia un commento