Imam rimandato in Tunisia, era un jihadista

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Detenuto nel carcere di Padova per una brutale rapina, nel giro di breve tempo era riuscito ad imporsi come l’imam del Due Palazzi, estromettendo con violenza e minacce la persona che svolgeva la funzione fino a quel momento, e iniziando ad approfittare del suo ruolo per fare attività di proselitismo a favore della Jihad islamica. Ma l’attività di Mahmoud Jebali, 31 anni, di nazionalità tunisina, non è passata inosservata alle guardie penitenziarie, e di conseguenza alla Digos di Padova, la quale per mesi ha svolto un’accurata indagine sul suo conto, conclusasi con un decreto di allontanamento dal territorio nazionale emesso dalla Prefettura di Padova e convalidato ieri pomeriggio della sezione del Tribunale civile che si occupa di Immigrazione e protezione internazionale.

Un altro che si stava integrando.

Ma se non torniamo allo ius sanguinis, presto non potremo più espellerli.




Lascia un commento